Archive | Storia

REGIONE STORICA ARBËRESHË E ARBËRIA: IL SACRO E IL PROFANO

REGIONE STORICA ARBËRESHË E ARBËRIA: IL SACRO E IL PROFANO

Posted on 21 marzo 2019 by admin

TRADIZIONI TRASVERSALENAPOLI (di Atanasio Pizzi) –  Quando negli anni sessanta E. Fortino nel corso di un incontro a Roma, aprì i lavori sulla tutela degli usi, i costumi e le tematiche religiose arbëreshë, definì l’Arbëria come un luogo indefinito, dove due o più arbëreshë si possono incontrare e iniziare a parlare esprimendosi con l’uso dell’antica lingua.

Appare evidente che non si riferiva a luoghi stanziali dove gli arbëreshë in comune convivenza vivevano scenari paralleli della terra di origine.

E. Fortino usando questa frase, imprestata dallo Schirò, non riferiva di un luogo ben identificato, un recinto, uno stato o una regione, in cui simili intenti di discendenza arbëreshë, realizzavano il miracolo integrativo mediterraneo, ma di un luogo momentaneo che dopo l’incontro sarebbe stato abbandonato.

In conformità a questa considerazione, nasce l’esigenza di definire e accumunare più macroaree sotto le regole della geografia storica, che fanno convergere uomini e vicende simili protratte nel tempo e nello stesso luogo.

La caratteristica di questo principio viene racchiusa nel concetto di regione, da qui “il sacro” riferimento che unisce tutti i minoritari figli della diaspora balcanica, dal XV secolo, sotto il titolo di “Regione storica Arbëreshë”.

Non usare questo titolo è segno di non aver compreso quali siano gli elementi fondamentali del popolo che affonda le sue origini nei temati bizantini, oggi per i suoi raffinati costumi rappresenta il fiore più colorato del Mediterraneo.

Un fiore con radici profonde i cui echi si avvertono sin dai primi nove mesi della gestazione materna.

Per comprendere cosa sia il tema di regione storica per un arbëreshë non basta leggere qualche volumetto editoriale su base favoleggiante, ne cercare di avere la più idonea cadenza linguistica territoriale, telefonando ad anonimi conoscenti.

La Regione storica Arbëreshë per avvolgerti, deve essere prima vissuta intensamente e per periodi medi lunghi, (il prof. U. Cardarelli, diceva che per iniziare ad entrare in sintonia ci vogliono non meno di sei mesi intensamente vissuti negli ambiti di ricerca), altrimenti si finisce per produrre concetti sbagliati privi di alcun valore storico e se  il fine mira alla valorizzazione per la tutela, si finisce per fare danno, danno e ancora danno.

Il territorio della regione va vissuto a stretto contatto con gli abitanti storici, avvertire le vibrazioni in prima persona e non per sentito dire o attraverso le sensazioni altrui specie se di radice litirë.

Pr finire, è il caso di allertarsi verso quanti si esprimono definendo arberia una regione, in cui i protagonisti hanno come eccellenza innata il difendere i territori assegnatogli, portarlo a regime per la vivibilità con mezzi propri e senza l’ausilio di estranei, prova ne è la rievocazione di quanto hanno realizzato sin dai tempi dei temati bizantini, in seguito con i veneziani, poi nella città di Jesi e nel XV secolo nel meridione italiano tanto per citare alcuni degli innumerevoli esempi in tal senso.

Sin anche i Borbone nel 1805 ne richiamarono un consistente gruppo, che sbarco a Brindisi, con il fine di mandare un messaggio a Napoleone pronto a invadere il Regno di Napoli.

La storia della regione storica delineata nel corso degli ultimi quattro decenni è il frutto della consultazione di oltre dodicimila volumi, tremila cartografie e un numero elevatissimo d’immagini e raffigurazioni di ogni genere.

Per avere consapevolezza della regione storica bisogna leggere e verificare sul territorio ogni piccolo dettagli, come ad esempio il costume, che purtroppo posto nelle disponibilità e l’arte di personaggi che vivono di sintesi, lo adoperano in maniera a dir poco irriverente.

La Regione Storica Arbëreshë non ha una bandiera, perché fedele a quella italiana, tuttavia l’unico elemento che si può ritenere tale e il costume nuziale, nato nella macroarea delle colline a ridosso della Sila; rappresenta un tema raffinato e unico nel suo genere, pur se in apparenza può sembrare simile a quello di altre macroaree, in esso sono espressi attraverso i dettagli sartoriale, la storia e le direttive consuetudinarie e del credo di questo popolo antico.

Il costume (Stolitë) quando si vestono in pubblico, o si fa con garbo o altrimenti si manifestano riti pagani carnevaleschi e non fanno parte del rigido consuetudinario arbëreshë; a tal proposito è bene sottolineare che esso rappresenta la nostra identità storica, unica espressione artistica materiale.

Indossare il costume in maniera personale e sintetica, sarebbe come se in occasioni istituzionali, si esponesse la bandiera italiana con uno dei tre colori mancanti o sbiaditi ed esporre addirittura pigmentazioni alloctone.

Per terminare è bene ricordare che ci sono le cose sacre e quelle profane, ognuno di noi è libero di scegliere, per se quello che più ritiene giusto della pagana Arbëria; tuttavia argomentare, con ragioni di merito delle genti della diaspora balcanica, i figli dei themati bizantini, è bene avere come solido emblema “la sacralità” della Regione storica Arbëreshë.

Commenti disabilitati su REGIONE STORICA ARBËRESHË E ARBËRIA: IL SACRO E IL PROFANO

LA RISPOSTA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA, ONOREVOLE SERGIO MATTARELLA,  A QUESTA MIA LETTERA

Protetto: LA RISPOSTA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA, ONOREVOLE SERGIO MATTARELLA, A QUESTA MIA LETTERA

Posted on 19 marzo 2019 by admin

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Commenti disabilitati su Protetto: LA RISPOSTA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA, ONOREVOLE SERGIO MATTARELLA, A QUESTA MIA LETTERA

REGIONE STORICA ARBËRESHË

REGIONE STORICA ARBËRESHË

Posted on 06 marzo 2019 by admin

Regione storica ArbëreshëNAPOLI (di Atanasio Pizzi) – Nel passato, ho chiesto per quale motivo Giuseppe Bugliari di Santa Sofia, Luigi e Rosario Giura di Maschito, Pasquale Baffi, di Santa Sofia, Vincenzo Torelli di Barile, Pasquale Scura di Vaccarizzo e tante eccellenze, non siano riconosciute come personaggi storici per gli arbëreshë.

La cultura moderna, quella che legge la regione storica  come arbëria, riconosce  eccellenze fondamentali solo quanti hanno ritenuto scrivere una lingua storicamente parlata; adoperando oltretutto  alfabeti greci, latini, ispanici, turchi, francofoni, per citare solo alcuni, oltre trenta esperimenti alfabetari dedicati ad una popolazione che storicamente è riconosciuta come non alfabetizzata.

A tal proposito è bene ricordare che l’editore per eccellenza dell’ottocento napoletano, Vincenzo Torelli da Barile, sottolineava dopo la lettura di un testo in arbëreshë (?), con lettere latine e greche, quale fosse stato il bacino di utenza in grado di avere i titoli idonei a comprendere quel componimento romanzato.

da allora non molto è mutato, anzi è palese identificare gli ambiti indefiniti come un teatro a cielo aperto, in cui ogni cosa viene posta in essere artificialmente, uomini, letterati, ingegneri, clericali, editori e ogni genere di bene materiale ed immateriale viene perennemente posta in secondo piano, in favore di una non meglio identificabile storia colma di lustri e priva d’ombre.

Questo è un dato inconfutabile, diventata regola o meglio il terreno su cui si  districarsi quanti si pongono come obiettivo, l’ordine almeno all’interno del recinto senza confini detta Gjitonia.

Uno scenario dove la confusione fa da protagonista, per questo bisogna adoperarsi tantissimo per analizzare ogni cosa, al fine di ricollocarla li da dove inconsapevolmente è stata rimossa; un lavoro immane portato avanti per passione, e gli artefici antiquari imperterriti giocano a dare la colpa al proprio gjitonë inconsapevoli del tempo che passa e cancella.

Motivo per il quale si ritiene indispensabile disegnare una Regione storica d’indagine, entro la quale comparare gli elementi e ogni piccolo particolare che possa caratterizzare e ridare lustro agli uomini e alle vesti del passato.

Sicuramente il tempo ha fatto nascere leggende e favole che non hanno alcuna attinenza con gli elementi recuperati, ma l’esperienza e le comparazioni storiografiche produrranno sicuramente benefici per giungere a un buon progetto di tutela finale.

Bisogna stare attenti e non fidarsi di quanti si ostinarono e si ostinano a grafo-giuocare, e ritenere appartenenti alla Regione storica Arbëreshë, solo quanti si sono espressi in forma scritta e canora priva di ogni metrica, magari con cadenze familiari, espressione di frammenti di macro area; certamente questo non è un buon segno, in quanto, essa è sintomo di ostinazione, campanilismo, arte dell’apparire e non trova alcun senso nel processo di tutela del genio arbëreshë.

Come si è potuto immaginare che valorizzare l’intero sistema, regione storica, fosse sufficiente scrivere ritenendo il genius loci, un tema non appartenete agli esuli arbër, o  la gjitonia figlia del vicinato indigeno?

Come si è potuto ritenere per anni che la minoranza, riconosce figli intelligenti e prolifici, solo coloro che si sono ostinati a scrivere quando la storia ci dice che greci, romani, bizantini hanno preferito non associare ad essa alcun segno grafologico; a nulla sono valsi gli avvertimenti di grecisti e latinisti, del settecento e dell’ottocento, i quali invitavano perentoriamente a porre fine a questa complicate e inesorabile deriva.

La Regione Storica Arbëreshë è un compendio sonoro irripetibile, in tutto il vecchio continente, essa non ha mai avuto alcuna  forma scritta o  figurativa, ne ha caratterizzato, il suo percorso  storico attraverso di esse se non, attraverso le metriche che non seguissero consuetudine e canto.

Un dubbio a questo punto nasce spontaneo, se gli intellettuali odierni non riconoscono gli illustri della regione storica, nonostante abbiano pensato, ragionato e tenuto alto il buon nome degli arbëreshë in Europa con il loro ingegno e il libero pensiero, che e cosa credono di privilegiare con l’albanese scritto?

Voglio chiedere, a quanti ritengono fuori da coro della gloria, gli illustri che non hanno ritenuto scrivere l’albrështë, quale collocazione danno ai padri e alle madri arbëreshë di ognuno di noi?; anche loro senza saper ne leggere e ne scrivere  sono riusciti a tramandare un idioma così antico, senza inviare in stampa libri o qualsivoglia componimento, su quei quaderni antichi a righe rosse con la copertina nera, dove al posto del nome rimane un quadratino vuoto?

Che peso danno questi illustri sostenitori a esempi come Rusaria Pigionith, Anmaria Vucastortith, Adolina Congoreglit, Sarafina Curtithe, Temisto M., Bugliari A., Guido B., Ceramella P., Baffa F., Pizzi V., e tutte le madri e tutti i padri della regione storica che pur spezzandosi la schiena a produrre benessere, senza componimenti scrittografici secondo gli standard che oggi ci richiede l’Europa, hanno tramandato lingua, usi, costumi e consuetudini con una caparbietà tale, da riecheggiare in tutta la regione storica, sfidando giorno dopo giorno, ogni sorta di artifizio che non parla e non suona secondo la metrica degli arbëreshë?

Per ricordare la sapienza di tutte le donne e gli uomini arbëreshë, che dedico questo breve che va a quanti oggi fanno riecheggiare questo antichissimo codice sociale; invece che perdere tempo nello scriverlo ponendolo nelle disposizioni della globalizzazione; questo non vuol dire mettere barriere, ma rispettare e avere cura della nostra identità, almeno, all’interno dei perimetri diffusi della Regione storica Arbëreshë, costruita dai nostri padri proprio per questo.

Commenti disabilitati su REGIONE STORICA ARBËRESHË

VEDOVE BIANCHE.

VEDOVE BIANCHE.

Posted on 02 marzo 2019 by admin

Vedove biancheNapoli  ( Tratto da: Parla una donna, di Matilde Serao. diario femminile di guerre Maggio 1915 – Marzo 1916)

Ogni tanto,in uno di quegli avvisi necrologici,che noi leggiamo con una mesta ansietà, poi chi vi è esaltata la eroica morte di un ufficiale,di un soldato; –alle volte, certe colonne di grandi giornali, appariscono come un seguito di tombe allineate, in un cimitero – fra i nomi dei genitori, dei parenti stretti, spesso dei commilitoni, appare il nome di una fidanzata, che si è voluta dichiarar tale, per proclamare anche il suo dolore, insieme al grido di quanti piangono l’estinto: ella ha voluto pubblicamente ,assumere questo carattere di vedova di un fidanzato, di vedova bianca. E i pensieri più diversi mi assalgono, leggendo,ogni tanto, un o di questi nomi. Anzitutto, a me pare che l’uso di Germania, il matrimonio di guerra, quello che si compie prima di partire per il campo, quando si ha una fidanzata, è il più saggio,sentimentalmente e socialmente parlando, tanto più che questo uso lo ha inventato Napoleone, il quale stimava le donne che procreavano, più di tutte le altre, é voleva che i soldati, e gli ufficiali, e i generali, si ammogliassero, prima di partire in guerra. Così due figliuoli dell’Imperatore Guglielmo, che erano fidanzati, si sposarono il 4 agosto 1914, nella prima settimana della guerra europea e, con loro, sull’imperiale esempio, centinaia, migliaia di fidanzati tedeschi sposarono le loro fidanzate e se son periti, han lasciato delle vere vedove, e, forse, un bimbo, che doveva nascere, e che avrà preso il loro posto.

Io penso:che sono mai queste vedove bianche? Eran fidanzate vere? O erano dei piccoli amori lievi, che la guerra, a un tratto, ha reso o è parso abbia reso più intensi e più saldi questi sentimenti, che univano colei che è restata a colui che è partito? Erano fidanzate vere o, forse, erano donne, che si era pensato di voler chiedere in ispose, e poi era mancata l’occasione, era mancata la volontà? Erano fidanzate antiche, già quasi, e che, a un tratto, eran parse le donne del proprio destino, al partente, così, nell’esaltazione del distacco? Eran donne a cui non si era osato mai di dire nulla, per timidità, per distanza di condizioni che, improvvisamente, hanno, esse, rotte ogni indugio sentimentale? Chisa! Chisa….Io penso: che ne accadrà mai, nella vita, di queste vedove bianche? Se hanno amato seriamente l’uomo che è sparito, se hanno sentito lacerarsi il cuore per la perdita di quest’uomo,se egli era veramente tutto il loro amore, che faranno esse, della loro deserta vita? Saranno esse vedove bianche, per tutto il corso dei loro anni, che può esser lungo? Il profondo loro cordoglio le renderà vedove bianche per sempre, e mai più le gioie dell’amore, di un altro amore, verranno a riscaldare il loro gelido cuore? E se un altro amore sorgesse,come faranno esse a penetrare nel chiuso tempio del loro ricordo, a rovesciarne l’idolo, distruggendo, così tutta la dignità sentimentale del loro passato? E colui che si sarà fatto amare da una di queste vedove bianche, come farà a combattere con l’ombra del grande morto, di cui la figura ha tutta la poesia di un eroi cosa sacrificio? Io penso, ancora: se queste vedove bianche più che a un forte amore, obbedirono alla esaltazione, che viene da una terribile notizia di una morte in guerra, se il loro dolore fu impetuoso ma breve, ma fugace, come faranno esse mai, quando si troveranno senza lacrime e senza rimpianti, inaridite, come faranno continuare la loro parte di vedove bianche, che piacque tanto alla loro fantasia? Passerà un anno….forse non più di un anno e già esse sentiranno il peso della loro vedovanza opprimerle: più esse diranno a sè stesse, se colui che si è spento, sull’Isonzo, le amasse veramente, o, diranno, peggio, a sè stesse, se fosse poi vero che esse lo amassero tanto, colui che la guerra ha ucciso! A poco a poco la figura del morto si muterà, nella loro memoria, perdendo tutte le sue linee risplendenti di bellezza: questo morto non solo smarrirà ogni suo fascino ma finirà per diventare un loro nemico intimo. E si tortureranno, per non sapere come smettere questo loro carattere di vedove bianche:e a un tratto, bruscamente, gitteranno via tutto il loro passato, che, in verità, era fittizio, era tutta una falsità sentimentale. È tanto difficile essere una nobile vedova, una buona vedova, di un vero sposo, di un vero marito! Ma è molto più difficile essere una fedele vedova bianca di un fidanzato morto in guerra. E, forse, è impossibile.

Tratto da: Parla una donna, di Matilde Serao.

Commenti disabilitati su VEDOVE BIANCHE.

DISCORSO DEL PRINCIPE GIORGIO CASTRIOTA RIVOLTO AI SUOI PARI CRISTIANI (Alessio; 2 Marzo 1444)

DISCORSO DEL PRINCIPE GIORGIO CASTRIOTA RIVOLTO AI SUOI PARI CRISTIANI (Alessio; 2 Marzo 1444)

Posted on 27 febbraio 2019 by admin

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Iresti dell’antica Cattedrale

NAPOLI (di Atanasio Pizzi) – Il sultano Murad II, ignaro del sancito del Kanun, per la nuova posizione  del suo protetto Giorgio,  rinominato dal sultanato Alessandro, “Scanderbeg”, inviò un potente esercito, si disse, di 100.000 o addirittura 150.000 uomini guidato da Alì Pascià e invadere i Principati Arbëri.

Lo scontro con le forze notevolmente inferiori del “Principe Cristiano Giorgio Castriota” avvenne, il 29 giugno 1444, a Torvioll  vide la prepotente armata turca incassare una sonante sconfitta.

Il 2 di marzo dello stesso anno, nella cattedrale di San Nicola ad Alessio, il Principe Arbër Giorgio Castriota, il minore dei figli di Giovanni, libero dal ricatto obbligato dai turchi organizzò un grande convegno, con i principi Arbëri, li convenuti sotto la vigile supervisione della onnipresente Repubblica Veneziana.

In quel sacro luogo fu proclamato, all’unanimità, a guida dell’arbëria cristiana, il valoroso Giorgio, lo stesso che agli inizi della seconda decade del  mille quattrocento venne marchiato indelebilmente dai turchi, quale, “Scanderbeg”.

Questi, prima della nomina, salito sull’altare del  sagrato si espresse cosi come qui riportato, secondo uno scritto dell’epoca trascritto nel XVI secolo.

I Principi convenuti in quel 2 di Marzo del 1444 furono: la principessa Mamizza Castriota, la sorella di Scanderbeg; Arrianiti Signore della Provincia Canina, Calcondila e Rafaele Valoterano; Teodoro Corona Signore di Belgrado amico particolare di Giovanni Padre di Giorgio Castriota; Paolo Ducagini, il più considerato principe d’arbëria, in oltre erano presenti Nicolò Ducagini, Giorgio Arianiti, Andrea Topia, Pietro Pano, Giorgio Dufmano, Gjergj Balsha, Zaccaria Altisvevo, Stefano Zornovicchio, Scura/Scuro, Vrana Conte e altri di minor nome, quali Stefano Darenio, Paolo Stefio, oltre i deputati della repubblica di Venezia, osservatori e certificatori di quell’incontro.

Qando i convenuti furono dentro il sacro perimetro religioso, Giorgio Castriota, prese la parola e fece un discorso come qui in seguito riportato, secondo la cronaca dell’epoca.

<<<<<< >>>>>>>

“Superfluo stimo, Principi ottimi, e sapientissimi che io imprenda a descrivervi l’odio, e la rabbia dei Turchi contra i seguaci di Gesù Cristo, e come quelli non pensino ad altro che ad annientarci, ad estirparci, tanto sitibondi del nostro sangue, che ingordi dei nostri beni: avveguacchè questo vien purtroppo dimostrato da tante ferite, di cui e coverta tutta la Cristianità, e la medesima Arbëria, gli stessi Principi albanesi possano essere citati agli altri in lacrimevole esempio. Onde piottosto mi volgerò a esporr, quale sia stata la cagione delle nostre dissaventure; acciocchè di presente vediamo a quale rimedio abbiamo ad applicare.

Piangono a lacrime di sangue i popoli Cristiani le fatali discordie dei Principi loro accusandogli essere loro stessi i fabri dei propri disastri e tutti esclamando al cielo accordandansi tratto in pronunciar queste parole: se i Principi Cristiani, che sono travagliati dal timore, e dal pericolo di sogiacere infime, all’incontro ridurrebbero facilmente il Turco in ultimo e sterminio. Ma che io mi trattenga a narrare le tragedie degli altri principati, non mi è permesso dalla compassione verso  i miei fratelli scielleramente uccis, la quale tosto mi chiama a dichiarare d’onde sia derivata la miserabile ruina della mia casa.

Giovanni mio Padre, Principe una volta vostro compagno, essendo stato assalito dal Sultano dei Turchi, il quale alla testa di un’armata egualmente numerosa, che agguerrita obbligava tutti i potentati vicini a piegare, ed a sottomettersi, trovandosi esso solo alle mani col prepotente assalitore, ne vedendogli soccorso da parte alcuna, fu costretto alla fine a rendersi per vinto, e accettare delle condizioni che tacitamente conteneano l’ultimo eccidio della sua casa, cioè l’ussurpazione del Principato, e l’uccisione de’ Figliuoli, dopodichè fosse avvenuta la sua morte; (io solo rimasto in vita per volere del cielo: e spero per le dovute vendette di tali scelleragini).

E se quella diffusione che a quei tempi era tra i Principi Arbër, la quale ha lasciato perir miseramente mio padre perseveri  eziandio ne’ miei presenti pericoli, diverso esito dal paterno non posso certamente aspettarmi. Pure l’interesse del mio Principato, e della mia vita non ridursi a parteggiar condizioni di quella, ovetrovavasi per l’addietro. Ma avete da sapere che la salute vostra, ugualmente che la mia, al presente sia sull’orlo del precipizio.

Imperociocchè: che credete? Che il Turco allestisca le sue armi solo contro di me, e non pensi ad altro che al mio eccidio? Piacesse al cielo che la cosa fosse altrimenti; e quella fiera di me provocata a danni dell’ Arbëria restasse saziata, e non piuttosto irritata dalla mia strage.

O fortissimi Principi, non vi conturbino i tristi avvisi dei vostri presenti pericoli, i quali poi vivo sicuro che indubitatamente vedrete finire in vittoria, e in trionfi, se darete orecchio ai miei eterni consigli.

Tutti noi per dio immortale dal primo fino all’ultimo, tutti i Principi d’Arbëria, tutta l’ Arbëria volge e ravvolge ora il rabbiosissimo turco nei suoi soliti continui pensieri de’ Cristiani estermini. Se tutto ciò non meditasse il Turco, il quale ha per legge del suo ampio Profeta Maometto, ha per esempio de’ maggiori, ha per natura , ha per consuetudine di fare quanto può distruzione di tutti quelli seguono il nome di Cristo, e dell’eccidio d’un Principe Cristiano passar sulla medesima carriera a quella d’un altro. E di già parmi di questo punto di veder Amurate, in mezzo ai ministri delle sue crudeltà, e scelleragini, tutto spumante di rabbia, e ira, dopo aver minacciato a me, ed ai miei sudditi di far soffrire tutte le sorti di strazi, e di suplizi, rivolgersi a ringraziare il suo profeta Maometto che li abbia mandato quest’occasione di ristaurarsi nell’acquisto dell’ Arbëria dalla perdita che aveva patito della servia: quindi dar ordine ai capitani di quest’impresa, dopo che abbiano finito d’eseguire il mio sterminio rivolgano tanto sto l’armi contra gli altri Principi Arbëri, e che non manchino di menare a’ suoi piedi voi carichi di catene, ormeno di gettarmi le teste vostre. Questi sono i sentimenti, questi sono (credete a me, credete alla mia lunga inveterata esperienza di quella corte, di quei costumi: credete a tanti orridi esempi e vecchi , e nuovi e stranieri e domestici) questi, dico, gli ordini, questi comandi del Turco. Questo ha da essere il tragico inevitabile fine dei principi albanesi, se tutti noi non si colleghiamo insieme per fare testa al nimico comune. Vi rappresento per verità, o degnissimi Principi, cose orrende da dirci, e sentirsi: ma io in quest’occasione opero a giusa di medico il quale spiega all’inferno i rischi del suo male, acciocchè si disponga alla necessità de’ rimedi.

L’unione è l’inica strada, per cui ci possiamo metterci in salvo dai mali, di cui siamo terribilmente minacciati: e si vede Iddio volerla assolutamente ne suoi fedeli, se essi all’incontro vogliono essere sostenuti dalla sua protezione. L’Ongaria, la Transilvania, la Bulgaria, la Servia fintantocchè la diffusione è stata tra esse, sono state  abbandonate, dallo sdegno celeste, in preda  all’avarizia, e alla crudeltà dei Turchi.

L’anno passato essendosi stati collegati insieme i Principi di queste Provincie, Iddio parimenti accompagno con la sua assistenza l’animo loro: per modo che riportata la più gloriosa vittoria che sin ora si celebri del nome di Cristiano, hanno costretto di rincontro il Turco a ricevere tutte quelle leggi, e condizioni,che loro sono piaciute imporgli. Abbiamo davanti agli occhi un si recente, e un si illustre esempio.

Iddio non mancherà d’aiutare i suoi Fedeli, quando essi non tralasciaranno di darsi mano l’una all’altro. Che quando il turco ai tempi di mio padre coll’armi entro in Arbëria, gli sarebbe forse riuscito di sottometterla al suo giogo, se alla comune difesa si fossero uniti i principi Arbëri? La difficoltà allora fu la cagione che l’Arbëria divenisse misera e schiava dell’Ottomana prepotenza: ora dunque l’unione, la concordia la renda all’opposto vittoriosa, e trionfante de’ fuochi crudeli nemici, quando ha fatto l’Ongaria, Le forze di questa provincia sono come tante piccole riviere che scorrono per diverse parti: le quali, se si raccogliessero dentro un alveo solo, formerebbero un grandissimo,e insuperabile fiume.

Le onde questa nostra unione mi toglie ogni paura, e infonde nel mio cuore una vera speranza di fare strage de’ Turchi, con cui loro credono di sterminare noi altri, e di rendere glorioso per tutta la terra nelle vittorie contra L’Ottomano possanza il valore degli Arbëri, quando quella degli Ongari.

Io che in fin da fanciullo per più di trent’anni ho menato la vita in compagnia dei Turchi, sono versato di continuo trà l’armi loro, divenuto maturo nell’arme loro, e credo che abbia abbastanza appreso tutte l’arti, e tutte le maniere del lor guerreggiare, posso con fondamentale promettere, e con ragione sperare qualche cosa contro di loro; e se quando era lor Capitano ho in non pochi, non leggeri cimiteri di battaglie felicemente vinti e debellati i lor nemici, ora di certo dessi aspettare che non operarò di manco per la conservazione della mia patria, e per la salute de’ miei compagni, i quali per mia occasione mettano a repentaglio la mia vita, e ogni loro fortuna. Ne va dia poi alcun travaglia la fama della possanza dei Turchi: Ne voi più tremiate loro, ch’eglino sperino in se stessi.

Pochi mesi fa sono stati da Unniade, e degli Ongari sconfitti in una battaglia campale, dove hanno perduto il nervo, e il fiore delle loro milizie: ciò ch’è loro rimasto, altro non è  che un ammassamento di gente vile, paurosa, fugace, tutta canaglia, senz’esperienza.

 Sembrano gli eserciti Turcheschi spaventare con quel numero tonante di cento,di dugento mila combattenti ma di che cosa mai può valere contro dei forti uomini  tanta quantità di si fatta gente: se non intaccare il ferro loro più col macello, che col combattimento. Le vittorie dipendono più dal valore, che dal numero.

La battaglia di Morava(per raccontare degli esempi nuovi, e insieme recenti) serve di prova bastante a questa verità: ove Unniade con un’esercito di gran lunga inferiore sbagliato con una incredibile facilità, e tagliò a pezzi  una  poderosa armata de’ Turchi. Non V’è differenza in Iddio a rendere vittoriosi, quando gli piace, i suoi Fedeli, tanto se siamo pochi, come molti. E se quelli sono giunti a fare tanti acquisti dentro l’Asia e l’Europa, ciò non è stato effetto della virtù loro, ma bensì provenuto dalle discordie, dei principi Cristiani. E queste, credetemi, sono le uniche speranze, su cui al presente si fondano di farsi padroni degli Stati de’ Principi Arbër.

Ma se apprenderanno poi l’unione che è stata formata fra noi altri, spero molto che possano da loro abbandonati i pensieri della spedizione albanese: e se mai oseranno si attaccarsi, non ho alcun dubbio che ciò abbia a riuscire che a lor’onta, e  perdita, secondo che è lor avvenuto contro l’Ongaria. Vedete dunque prudentissimi principi, la presente condizione della salute nostra, e a quale passo siamo ridotti. Se viene il Turco come una fiera ferita dall’Ongaria a cercar rabbiosamente le sue vendette contro l’Arbëria. Se saremo disuniti e uno non soccorresse l’altro, standosene freddo, e mal consigliato spettatore della tragedia del vicino, parimenti un dopo l’altro a giusa di tante derelitte pecorelle faremo tutt’in fine divorati da quel crudele lupo.

Se poi ci accoppiaremo insieme, e uno darà mano all’altro, imitando l’esempio del re d’Ongiaria verso il Despoto della Servia, medesimamente qualche luogo dell’Arbëria, com’è il fiume Morava della Bulgaria, sarà nobilitato sarà nobilitato dalla strage dè Turchi . Avete, o degnissimi Principi, udito quale sia lo stato presente dello stato delle cose nostre. Dall’odiarna deliberazione dipende o la salute nostra, o la nostra ultima ruina.

Io vò ho spiegato l’universale pericolo, e in fine i mezzi di un felice di riuscimento. Facciamo che un giorno la memoria di questo concilio abbia a consolarsi, non ad attristarci. Non evvi affare di maggiori agevolezza, quando quello che tutt’è appoggiato al nostro volere.

L’esecuzione di tutto ciò che ho progettato sta nel vostro consentimento. Iddio dunque, fa tale la sua volontà che resti salva l’Arbëria, infonda nei Principi albanesi lo spirito della concordia e dell’unione contra quegli empi nemici dè suoi Fedeli; e piaccia alla sua Provvidenza che ancor passi come in eredità à posteri a loro perpetua conservazione.”

Commenti disabilitati su DISCORSO DEL PRINCIPE GIORGIO CASTRIOTA RIVOLTO AI SUOI PARI CRISTIANI (Alessio; 2 Marzo 1444)

AVENDO AVUTO UN INVITO AD ASCOLTARE PER INTERVENIRE, VI INVIO QUANTO:

AVENDO AVUTO UN INVITO AD ASCOLTARE PER INTERVENIRE, VI INVIO QUANTO:

Posted on 10 gennaio 2019 by admin

AVENDO AVUTO UN INVITO AD ASCOLTARE PER INTERVENIRE, VI INVIO QUANTONAPOLI (di Atanasio Pizzi) –  RingraziandoVi per avermi incluso nell’elenco degli ascoltatori invitati, per l’incontro di sabato prossimo venturo, auspico nascano nuovi spunti, prospettive o rotte unitarie, per la sostenibilità delle “Minoranze Storiche Calabresi”

Tuttavia adoperarsi per la modificare le leggi di tutela delle minoranze alloglotte,  in armonia con quanto stabilito dal legislatore è una strada che ormai da oltre tre decenni non ha portato a un nulla di fatto, anzi, ha prodotto l’esatto contrario di quanto si voleva perseguire.

Non per una cattiva gestione delle risorse, né per analfabetismo storico, ma per l’innegabile risultato che si ottiene quando si esula dai protocolli di percorsi  identificati attraverso “Progetti”.

La posizione dello scrivente a riguardo è largamente diffusa, in quanto, sono ormai due decenni che  esorto a seguire la rotta “ del Progetto, che abbia come fine il riconoscimento della “Regione Storica Arbëreshë” e dei suoi solidi themi identificativi” secondo le disposizioni dell’Art.3 Comma 3 della legge 482/99.

Essa testualmente cita: Quando le minoranze linguistiche di cui all’articolo 2 si trovano distribuite su territori provinciali o regionali diversi, esse possono costituire organismi di coordinamento e di proposta, che gli enti locali interessati hanno facoltà di riconoscere. 

Allo scopo è indispensabile realizzare progetti attraverso l’ausilio di gruppi di lavoro scientifici ad hoc, su base di luogo, di tempo e di uomini, in tutto della storia;  modello già provato nella ricostruzione italiana del dopo guerra, specie quando si è dovuto tutelare la dignità di gruppi minori e le relazioni che essi avevano instaurato con le terre vissute.

Adoperarsi nel voler tutelare una minoranza abbarbicandosi a metodiche vetuste che utilizzano ancora oggi, arbëria, non è un buon inizio, in quanto occorre parlare di Regione Storica, Arbëreshë, Occitana e Grecanica, altri menti,  si approda nel buio più assoluto.

Per ogni minoranza storica, calabrese,  vanno fornite diplomatiche, in campo Sociale, Antropologico, Idiomatico, Religioso, Storico, Urbanistico, Architettonico oltre agli effetti che questi hanno prodotto nelle varie epoche  con il territorio, in poche parole identificare il “Genius Loci” di ogni macroarea, per poi confrontarle come le altre, di simili radici della Regione storica su citata, come ormai; un modello che seguo ormai da oltre tre decenni.

Solo indagando e confrontando quando pervenuto dai sapienti, lo storico può perseguire la via del “progetto di tutela”, altrimenti, si termina nel fare belle promesse, che non portano a nulla di fatto, anzi penalizzano addirittura i presidi nati con tutti i buoni propositi e terminati in seguito nel compromettere persino i codici e la rotta della minoranza, sia dal punto di vista laico e sia clericale.

Tuttavia, vorrei rilevare a quanti convenuti in questa manifestazione che stiamo trattando, di cinque insule diffuse; sedici macroaree, per un totale di oltre cento, agglomerati arbëreshe, gli unici che conservano molto più dei cinque secoli tanto decantati, in quanto la sua origine parte nel VI secolo D.C..

In ultimo, rileggendo la storia,  stesa alla luce del sole, sorge spontaneo un dubbio: è opportuno rilanciare la regione storica, con le stesse diplomatiche che hanno relegato l’Albania così come appare ancora oggi?

Augurandovi buon lavoro,  Saluto a voi tutti!

Non come Storico! Ma semplicemente come l’Architetto Arbëreshe!

Commenti disabilitati su AVENDO AVUTO UN INVITO AD ASCOLTARE PER INTERVENIRE, VI INVIO QUANTO:

LA REPUBBLICA DELLE PISCIAGLIOCCHE MILLANTA DI SOSTENERE I PRINCIPI DELLA REGIONE STORICA ARBËRESHË

Protetto: LA REPUBBLICA DELLE PISCIAGLIOCCHE MILLANTA DI SOSTENERE I PRINCIPI DELLA REGIONE STORICA ARBËRESHË

Posted on 15 novembre 2018 by admin

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Commenti disabilitati su Protetto: LA REPUBBLICA DELLE PISCIAGLIOCCHE MILLANTA DI SOSTENERE I PRINCIPI DELLA REGIONE STORICA ARBËRESHË

PASQUALE BAFFI Santa Sofia d’Epiro 11 Luglio 1759 - Napoli 11 Novembre 1799

PASQUALE BAFFI Santa Sofia d’Epiro 11 Luglio 1759 – Napoli 11 Novembre 1799

Posted on 11 novembre 2018 by admin

NAPOLI (di Atanasio Pizzi) – Nella piccola comunità di Santa Sofia d’Epiro, piccolo Katundë della Regione storica Arbëresheë , l’11 luglio 1749 nac­que Pasquale Baffa.

I genitori, Giovanni Andrea e Serafina Baffa, entrambi di origini arbëreshë vivevano nel modesto agglomerato edilizio posto a ridosso della confluenza del camminamento per l’ospizio e il palazzo arcivescovile.

Il cognome, in albanese significa fava,  baf  è uno di quelli associati alle famiglie più antiche del piccolo centro Arbëresheë.

Pasquale Baffa rappresenta l’insieme flessibile dell’ingegno ellenico, intriso della caparbietà tipica dell’indole calabrese.

Cresciuto sotto l’occhio vigile della mamma Serafina e dei gjitoni che assieme alla famiglia baffa dividevano il lavoro ed i pochi frutti delle terre sofiote.

Nei primi tempi della sua carriera scolastica fu posto alla guida e alla disciplina di uno zio paterno, dimostrandosi poco appassionato agli studi, fu questo il motivo per cui venne iscritto tra gli allievi laici del collegio italo-greco di S.B.U.

Il giovane Pasquale docile ed educato, incline a non subire soprusi e ingiustizie di alcuna sorta, nel corso di una lezione, rimproverato a torto dal suo maestro di greco, esternò le sue perplessità relativamente ad un brano tradotto, invece di avere elogi subì una strappata di orecchie, com’era in uso fare per punire gli allievi.

La reazione fu violenta e furiosa a tal punto che, la direzione del collegio ritenne opportuno di allontanato dall’istituto.

Dopo l’ingiusto episodio non si perse d’animo, continuò gli studi da privatista con tanta caparbietà e lucidità che a solo diciotto anni acquisì la maturità non solo per insegnare ma anche per divulgare nelle scuole del regno le opere di Platone.

Quando i gesuiti furono allontanati dal regno, il Baffa fu chiamato a insegnare il greco nelle scuole pubbliche Universitarie degli Studi di Salerno e di Avellino.

P.B. continuò a manifestare il grande ingegno pubblicando il 31 di luglio 1771 una lettera italiana indirizzata a quel grecista stimatissimo Bugliari, con il quale difen­deva la pronuncia del greco moderno contro i seguaci di Erasmo Rotterdam.

Nell’esodo da Napoli a Salerno, il Baffa modificò il suo cognome in “Baffi” le versioni a riguardo sono più di una, a partire dalla più banale secondo cui si volesse nascondere dietro alla “I” per la nota negativa della espulsione dal Collegio Corsini.

Studi recenti svolti a napoli, attribuisco la sostituzione della lettera finale a una attenta analisi nella traduzione del suo cognome, che aveva più attinenza nella forma plurale che singolare, ritenere che gli studi da lui intrapresi  sulle origini del popolo albanese, avesse indotto l’illustre uomo di cultura, ad una traduzione più attenta del suo cognome.

Giunto a Napoli nel 1773, chiamato a prestare la sua opera di professore nel nuovo convitto dell’Annunziatella, la cui apertura seguì il giorno 11 di novembre, poiché non era ancora disponibile il convitto.

Nella capitale partenopea spinto dai suoi ideali di libertà si iscrisse in una delle Logge di Liberi Muratori in Portici e trovato nella villa di proprietà di Niccolò Marselli sita nei pressi di Capodimonte, durante una riunione, per una serie di strane coincidenze fu imprigionato il 2 di marzo 1776.

Il Baffi, passò così dal convitto alle carceri di castello dell’Ovo da cui fu scarcerato solamente il 1° di marzo 1777.

La pendenza legale nei suoi confronti ebbe soluzione solo il 28 di gennaio 1782 quando su proposta del ministro Bernardo Tanucci, che venne accolta dai sovrani, furono aboliti tutti quei giudizi a carico delle persone coinvolte nelle riunioni delle società segrete.

Amico del letterato calabrese Aracri, Grimaldi e con Pagano, il Baffi fu prescelto nel 1779 come socio dell’Accademia di scienze e belle lettere.

L’anno seguente vinse il concorso di lingua e letteratura greca di Napoli, che in quel tempo rac­coglieva gli uomini come, il Conforti, il Cirillo, il Pagano, il Serio, il Bagno, il Caputo.

La sua fama fu tale che a Napoli non vi erano uomo di cultura che non si ricercasse a conoscerlo e ad ammirare di persona questo ellenista e filologo, così come fece nel 1781 il celebre Bandini, che gli rimase legato e continuò ad essere vicino alla sua famiglia e al figlio Michele.

Nel 1785, quando aveva il suo studio legale insieme col suo parente ed amico Angelo Masci fu chiamato a interpretare il processo fatto nel1548 della badia di San Pietro di Caserta.

Diventato il 3 di gennaio 1786 uno dei tre bibliotecari della Reale Accademia delle scienze e belle lettere, seppe distinguersi e redigere il catalogo oltre a mettere in sicurezza molti manoscritti che grazie alla sua lungimiranza non finirono in mano dei predatori napoleonici.

L’operato del baffi così fondamentale per la nascente Biblioteca Nazionale nulla ricorda il sacrificio e tutto quello che fece per essa.

  1. B. assieme agli avvocati Pietro Battiloro e Angelo Masci, raggiunse una così grande fama nel campo della giurisprudenza che il loro studio legale era ambito da chiunque avesse giudizi in pendenza.

La sua fama di esperto nella lettura ed interpretazione di vecchi manoscritti fu tale che in ogni dove del regno era richiesto la sua presenza per tradurre e interpretare gli antichi reperti.

Per lo stesso motivo nel 1787 fu mandato in Catanzaro per interpretare le pergamene utili a for­mare il patrimonio della Cassa Sacra, e contemporaneamente mise in ordine gli archivi di Mileto e di San Domenico Soriano.

Tra i più preparati soci dell’Accademia, fu scelto per conservare e tradurre i papiri greci di Ercolano, in oltre tradusse e annotò un rarissimo codice della biblioteca degli Agostiniani di San Giovanni a Carbonara.

Il suo nome era già conosciuto in Europa e ne parlavano con lode il Lalande nel suo viaggio in Italia nel 1787, annotava come in questo tempo il Baffi si occupasse ai succitati lavori.

E con uguale lode ne parlarono Nicola Show, Arnoldo Haren, Federico Munter professore di teologia in Copenaghen, e Cristoforo Harles.

Lo scrittore Orloff, nel tomo secondo delle sue Memorie su Napoli, esprime nei confronti del baffi il seguente giudizio: C’etait peut étre le plus grand elleniste de l’Europe.

Nell’anno 1792 fu incaricato di interpretare tren­ta antiche pergamene della Magione in Palermo e visitare l’Archivio di Santo Stefano del Bosco facendolo trasportare dalla Calabria nel collegio del Salvatore per poterlo avere a disposizione.

Avendo guadagnato piena stima dai regnanti di quel tempo, fu grazie a lui che il 1 febbraio 1794 il re aderì al trasferimento del collegio Corsini, che dal baffi considerava unica isola per la formazione culturale di quelle terree, in modo che il presidio avesse una sede più adeguata di quella cadente di S.B.U.

A quei tempi alla guida del collegio era il Vescovo Francesco Bugliari suo parente, anche lui come il Bellusci a Napoli durante il periodo di studi aveva frequentato Pasquale Baffi condividendone gli ideali liberali.

La scelta meditata tra i due sofioti cadde sul presidio monastico di Sant’Adriano, allocato fisicamente a poco più di un chilometro da San Demetrio, ben più lontano per quanto atteneva invece agli ideali politici, culturali e sociali.

A tal proposito va sottolineato l’aiuto legale che il Baffi diede al Vescovo Bugliari per risolvere i tanti giudizi che i mezzadri della zona sollevavano contro il patrimonio del collegio.

Nel 1796 Pasquale Baffi giunto al colmo degli onori, scelto per dirigere gli uffici più ambiti dagli intellettuali e tenuto in considerazione dai più celebri filologi  di Napoli e d’Europa, si unì in matrimonio nel Gennaio di quel anno con Teresa Caldora di nobile famiglia napoletana.

La sorella di lei, Apollonia legata al mondo culturale europeo, era così onorata e felice di tale matrimonio che inviò al cognato una lettera di cui si allega un breve brano:

E inesplicabile il contento chi provo del matrimonio che avete già stretto colla cara mia sorella Teresa …. io ben sapeva le doti che adornano la vostra persona, e perciò stimo assai fortunata mia sorella per questa sorte che ha ottenuta dal Cielo e voglio sperare che col suo virtuoso portamento sappia meritare la vostra affezione

Quando si avvicinarono gli albori della rivoluzione del 1799 la coppia aveva avuto già due figli Michele e Gabriella.

Nel dicembre del 1798 il Baffi venne chiamato ad essere il garante per gli acquisti librari per la biblioteca, mentre concludeva il catalogo della biblioteca.

Creata la repubblica in Napoli, fu uno dei rappresentanti del popolo ed eletto a preparare le nuove leggi e gli ordinamenti per la pubblica istruzione.

Ma una cosa è il pensiero politico, ben diverso e grave è prender parte a un governo come ministro.

Così quando le cose non presero la svolta che si era prevista, egli fu costretto a nascondersi e mettersi al sicuro in un paese nei dintorni di Capua, ma il desiderio di rivedere i suoi, tornò a Napoli, credendo che le tensioni si fossero  affievolite;  ma purtroppo così non era.

Il 30 di luglio, mentre si recava a casa del suo amico e parente Angelo Masci sicuro di poter riabbracciare la moglie, gli sbirri e i soldati lo arrestarono conducendolo nelle carceri.

In quel periodo la scure del carnefice abbracciando la bilancia della giustizia faceva  terrorizzare e costernare tutta la popolazione del regno.

Il Baffi strappato dalle braccia di un padre, di una mamma, di una moglie, del suo bambino Michele e della sua bambina Gabriella, fece soffocare le sue lacrime all’interno del suo cuore e della sua anima.

Il suo credo religioso fu la sua forza che lo aiutò nel periodo della sua detenzione sin anche quando fu emanata la sua condanna e infondergli tanta energia tale da rifiutarsi alla viltà del suicidio, persuaso, che l’uomo in vita è paragonabile ad una sentinella e suicidarsi sarebbe stato come disertare i propri doveri.

L’11 Novembre verso le ore 17,12 accompagnato da otto coppie di soldati preceduti da un crocifero usci dal carcere e giunse in Piazza Mercato, con pa­ziente cadenza, verso le ore 18.

La cronaca dell’esecuzione descritta nei libri della Compagnia racconta: Mori rassegnato al divino volere il paziente e si seppellì nella vicina chiesa.

Ma non fu così, perché quando fu assicurato al cappio, questo si sciolse ed il Baffi stramazzo giù dal patibolo, a questo punto il boia senza perdersi d’animo lo raggiunse ponendo fine in modo disumano alla vita dell’illustre e valoroso Sofiota.

Quel giorno a Pasquale Baffi fu aggiunto anche il titolo di martire, uomo eccelso di bassa statura fisica, viso bruno, occhi vispi ed intelligenti capace di disquisire in greco in tutte le inflessioni dialettali.

Un uomo intriso di solidi propositi senza particolari clamori, come dimostrò nel suo esilio del 1795, quando esternò una modestia senza pari e si vede chiaramente per le poche cose che inviò in stampa, preferendo aiutare e collaborare con altri, sicuro di far comunque bene con le sue immense fatiche senza mai pensare alla sua gloria.

Ci sono pochi  uomini di tale indole e nessuno ad oggi è riuscito a seguire il suo esempio ereditato dai suoi antichi avi arbëreshë, abituati a vivere e prodigarsi per il berne della comunità cosi come è largamente enunciato nel libro degli albanesi.

A quel nome e al suo sacrificio furono dedicati, i versi dell’Iliade, decimo canto:

«… animus fortis

«In omnibus laboribus, amatque ipsum Pallas Minerva.

Commenti disabilitati su PASQUALE BAFFI Santa Sofia d’Epiro 11 Luglio 1759 – Napoli 11 Novembre 1799

Passa il carrozzone Presidenziale in terra arbëreshe: pronti a saltarvi sopra? No, grazie: resto a piedi !

Protetto: Passa il carrozzone Presidenziale in terra arbëreshe: pronti a saltarvi sopra? No, grazie: resto a piedi !

Posted on 02 novembre 2018 by admin

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Commenti disabilitati su Protetto: Passa il carrozzone Presidenziale in terra arbëreshe: pronti a saltarvi sopra? No, grazie: resto a piedi !

LETERA ALL’IGNOTO CULTORE

LETERA ALL’IGNOTO CULTORE

Posted on 25 settembre 2018 by admin

NAPOLI (di Atanasio Pizzi) – Quando agli albori del 1978 varcai la porta dell’Archivio di Stato di Napoli, non avrei mai immaginato che dopo due decenni sarei stato uno dei componenti il gruppo di progettazione per la sua riqualificazione e restauro, traendo per questo un bagaglio professionale d’ineguagliabile spessore, ne che la documentazione che avrei di li a poco consultato, per iniziare ad indagare la storia della Regione storica, sarebbero state l’avvio di un calvario culturale di confronti con quanti uso identificare come “l’ignoto cultore”.

Relativamente al motivo che mi aveva portato a varcare la soglia dell’Archivio di Stato,  per la ricerca di documenti e definizione di nuovi stati di fatto della Regione storica e ambientale Arbëreshë,  appellata ancora oggi in maniera vetusta, dall’ignoto cultore,  “arberia”.

Oltremodo vorrei  precisare che per “ignoto cultore” si vorrebbero individuare quell’esercito, causa delle gravi ferite, inferte per incompetenza alla regione storica, resa per questo, irriconoscibile dal punto di vista linguistico, consuetudinario, metrico, religioso e del genius loci.

Le mie ricerche comunque hannodato avvio a un nuovo stato di fatto, legato al genius loci arbër, la rotta seguita non si è ostinata a voler scrivere messali in arbëreshë, a guisa dei rumeni bizantini; o a tutti i costi usare la grammatica Grerca e Latina; menare a sostituire vocaboli Arbëreshë con Albanesi di radice turca, ma, invece, produrre un nuovo modo di idagare e restituire certezze alla definita Regione storica e ambientale Arbëreshë.

Studiare la geografia del territorio occupato dagli arbëreshë,  tracciare le macroaree di locazione e comprendere i motivi di tale disposizione, per individuare il sistema metrico più attendibile di tutti i centri con simili origini. 

In seguito, sono stati fondamentali  cercare gli enunciati che descrivessero suntamente, la disposizione urbana, i rioni, le gjitonie e i gruppi familiari, al fine di fornire un metodo di lettura degli ambiti urbani limitrofi, in tutto, definire la storia urbanistica e architettonica della regione arbëreshë italiana, associata alla toponomastica della terra di origine.

tutto ciò ha avuto il suo culmine in occasione di misurarsi con i  vertici politici nazionali, nel corso della delocalizzazione di Cavallerizzo, avendo ricevuto  investitura ufficiale perché C.T.P. dell’Associazione Cavallerizzo Vive; l’unica Associazione che si è adoperata per evitare la più terribili disavventure che vede protagonisti gli arbëreshë di questo secolo .

Certamente la grande esperienza accumulata in anni di studio, la metrica  attinta nei corsi dalla facoltà di Architettura di Napoli, la fortuna di aver frequentato questo luogo con docenti di altissimo spessore, la conoscenza delle tradizioni, la lingua e le caratterizzazioni tipiche dei paesi di minoranza , sono stati i segmenti ideali per chiudere solidamente il cerchio con la mia innata predisposizione.

Sono trascorsi quattro decenni da allora e ancora oggi l’“ignoto cultore”  adducendo eresie senza tempo, senza luogo, ne memoria per la storia della regione, come se non bastasse, non avendo argomenti da aggiungere, si ostina a presentare trattazioni  irriconoscibili, invece di confrontarsi con i nuovi enunciati di studio.

Nemo propheta in patria, è una locuzione in lingua latina che significa: “Nessuno è profeta nella [propria] patria”; l’espressione vuole indicare la difficoltà delle persone di emergere in ambienti a loro familiari.

Raramente stato invitato in manifestazioni nei luoghi della regione storica, in cui l’“ignoto cultore” per aver letto i miei scritti, ambisce a emergere ad ottenere certificazioni urbanistiche e storiche per scopo di sopravvivenza locale, invitandomi a certificazioni gratuite; NO cari signori io non sono una ONLUS e non credo in questo tipo di illusori meccanismi sociali.

Studio e produco certezze, cercando di misurarmi e confrontarmi con l’“ignoto cultore” che continuamente sfugge; egli ha da sempre parlato di arberia (?????”’), come paradiso terrestre dove hanno vissuto solo nobili e ricchi cavalieri, non sopporta che i miti che imprudentemente ha innalzato gli vengano scalfiti, ne ha interesse per realizzando un ambito logico in cui delineare come sia stata conquistata la scena del palco europeo dalle nostre eccellenze culturali.

Studio e produco certezze per la “regione storica” e se alcuni hanno dubbi sulle mie risorse culturali ed economiche, sappiano che non sono quelle delle istituzioni o dei canali equipollenti; esse  non sono altro che il frutto della caparbie scelte di VITA e per questo ritengo di averle meritate sul campo, lo stesso dove l’“ignoto cultore” teme di confrontarsi per sfuggire ai  fantasmi messi in campo.

 

Commenti disabilitati su LETERA ALL’IGNOTO CULTORE

Advertise Here
Advertise Here

NOI ARBËRESHË




ARBËRESHË E FACEBOOK




ARBËRESHË




error: Content is protected !!