Archive | maggio, 2018

MISERIA E NOBILTA

Protetto: MISERIA E NOBILTA

Posted on 31 maggio 2018 by admin

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Commenti disabilitati su Protetto: MISERIA E NOBILTA

PER LA TERMINAZIONE DELLE LACRIME SI ATTENDE IL RISCATTO

PER LA TERMINAZIONE DELLE LACRIME SI ATTENDE IL RISCATTO

Posted on 27 maggio 2018 by admin

PER LE LACRIME DALLE MINIERE SI ATTENDE IL RISCATTO.NAPOLI (di Atanasio Pizzi) – Dopo quanto è avvenuto in questi vergognosi giorni di Maggio, si riterrebbe che i tempi dei congressi senza atti, l’accogliere figure istituzionali senza un protocollo, la conversione del folclore in arte dell’apparire, la cavalcata mascolina della sposa, le ballate con indosso la sintesi dell’antica vestizione, ironizzare verso gli sforzi storici delle giovani leve, le sonorità alloctone,  l’irriverenza di presentarsi davanti a Sant’Atanasio l’Alessandrino “in chiesa”  con il cappello in testa e non ultima apparire per riferire quanto poco si conosce il territorio; abbiano colmato la vetrina delle vergognose incongruenze di tutta la R.S.A.

Non è più concepibile lasciare il ruolo di tutori del codice identitario alla mercé di figure abituate ad immaginare che tutto sia una disputa monotematica, pluri archivistica o il giardino dove seminare avena fatua.

Purtroppo per questi elementi, oggi, esiste internet oltre a tutte le risorse dei canali multimediali e nascondersi dietro un dito o i meandri della gjitonia non è più sufficiente.

Nella tradizione della Grecia antica quando gli ateniesi volevano riferire dell’indole di una persona falsa e ipocrita, utilizzavano paragonarla al pianto degli abitanti di Megara con l’espressione: “lacrime megaresi”.

Per usare una frase demoniaca in Arbëreshë potremmo dire che se la Regione storica potesse partorire fecondata da lacrime di femmina, ogni goccia sarebbe un coccodrillo!

Chi conosce gli ambiti della “regione storica” ormai da troppo tempo, archivia immagini testi e video che trattano i momenti che dovrebbero essere di caratterizzazione del patrimonio storico, motivo per il quale cosa è vero e cosa è falso lo si può definire nel battito di un ciglio.

Questo deve servire da monito a quanti s’innalzano a intoccabili e dall’alto dei loro castelli di sabbia non si rende conto che i comandamenti arbëreshë, non gli appartengono perché non li hanno mai saputi leggere.

Purtroppo ogni puntata è una caduta di stile sempre peggiore e senza fare il conto economico di quanto si va sperperando, ma riferendo ai tasselli di storia che si calpestano.

A quanti si rendono protagonisti di ciò, devono prendere coscienza che quelle risorse potrebbero essere impegnate in ricerca multi disciplinare per dare solide conferme alla Regione storia Arbëreshë.

È terminato il tempo della vecchia maniera, per indicarla  le terre addomesticate, attraversate e vissute dagli uomini che vissero la diaspora utilizzando l’alias “arberia” è vetusto e inadatto, è giunto il tempo di parlare di genius loci, è tempo di capire cosa sia un costume femminile arbëreshë e cosa consente il rituale dopo la vestizione, onde evitare poi di versare lacrime di sale, per le irriverenze commesse.

Non è più concepibile divulgare che le “Valje sono balli”, gli arbëreshë, quelli del XV secolo non avevano nulla da ballare, perche la loro vita era fatta di duro lavoro condiviso; per questo l’unico modo di alleviare le sofferenze era attraverso “il canto”, tra gruppi di uomini e gruppi di donne intenti a lavorare (senza strumenti a mantice e tamburelli).

Per quanti hanno deciso di festeggiare il quinto giubileo e mezzo della morte di Zotin Gjergji (il Signor Giorgio) è opportuno ricordare che non è proprio lecito appellarlo con l’alias imposto dai turchi (e di proposito non si ripete, per indicare tutto il disprezzo verso questo appellativo).

È bene precisare che Giorgio eall’età di nove anni secondo la costumanza di quella gente gli venne cambiato il nome appellandolo “Signore Alessandro”; particolare storico che non è sfuggito alla Scuola di Santa Sofia, infatti il centro è l’unico di tutta la R.s.A. ad avere Via Castriota e basta.

Per grandi linee, quanto Giovanni Castriota di Kroje nel 1413 subiva dai turchi, è ciò che sta avvenendo oggi con gli arbëreshë d’Italia; tuttavia allo stato non rimane che esortare a leggere con attenzione la storia e se non si ha modo di farlo è opportuno “rendersi disponibili per essere illuminati” prima di intraprendere incautamente navigazioni e patimenti che conducono a commettere gesti inconsulti tra le quinte naturali del paese di fronte.

La regione storica è ancora in tempo per estraniarsi da tutto ciò, affidandosi a un gruppo multidisciplinare che possegga un immenso spirito di appartenenza, non abbia velleità di protagonismo e sia munito di tanta pazienza per ricostruire quei costumi arbëreshë, continuamente e perennemente sporcati.

Per terminare ma non perché meno importante, pregare di astenersi in futuro, quanti si sono resi protagonisti nell’avvicinarsi alla statua di sant’Atanasio l’Alessandrino protettore di Santa Sofia d’Epiro, e dentro il perimetro religioso, senza togliersi il cappello dalla testa, cantando lodi d’amore inappropriate per un Santo.

Le gesta e gli avvenimenti che hanno visto nel tempo protagonista la regione storica è scritta sui libri, tracciata sui territori e conservata all’interno delle piccole abitazioni che imperterrite resistono all’incoscienza e alla sintesi di quanti fanno il mestiere dell’antiquario; è tempo di  intraprendere la rotta smarrita e ciò, non deve essere condotto da quanti sino ad oggi l’anno riversata in questa assurda deriva.

P.S

Per terminare questo scritto coerentemente con studi e certezze, è bene ribadire che non tutti i paesi della regione storica sono stati accompagnati dai presupposti storico culturali ed artistici tali per produrre un costume che si possa ritenere di matrice arbëreshë.

Questo per affermare, che i paesi che realmente hanno inserito, tra le pieghe i valori del codice nel “costume arbëreshë” sono meno di dieci e più di cinque, il resto e pura è semplice invenzione locale, associata agli indigeni.

 

Commenti disabilitati su PER LA TERMINAZIONE DELLE LACRIME SI ATTENDE IL RISCATTO

L’ARBËRESHË GIORGIO CASTRIOTA DI GIOVANNI (Kruja, il 6 maggio 1405 - Alessio, 17 gennaio 1468)

Protetto: L’ARBËRESHË GIORGIO CASTRIOTA DI GIOVANNI (Kruja, il 6 maggio 1405 – Alessio, 17 gennaio 1468)

Posted on 16 maggio 2018 by admin

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Commenti disabilitati su Protetto: L’ARBËRESHË GIORGIO CASTRIOTA DI GIOVANNI (Kruja, il 6 maggio 1405 – Alessio, 17 gennaio 1468)

IL PONTE SU CATENARIE DEL GARIGLIANO È UN OPERA ARBËRESHË

Protetto: IL PONTE SU CATENARIE DEL GARIGLIANO È UN OPERA ARBËRESHË

Posted on 10 maggio 2018 by admin

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Commenti disabilitati su Protetto: IL PONTE SU CATENARIE DEL GARIGLIANO È UN OPERA ARBËRESHË

PRIMAVERA ITALO-ALBANESE  (jaku i sprischiur su harrua)

Protetto: PRIMAVERA ITALO-ALBANESE (jaku i sprischiur su harrua)

Posted on 06 maggio 2018 by admin

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Commenti disabilitati su Protetto: PRIMAVERA ITALO-ALBANESE (jaku i sprischiur su harrua)

UN VOTO ANTICO PORTATO A BUON FINE IL DUE DI MAGGIO

UN VOTO ANTICO PORTATO A BUON FINE IL DUE DI MAGGIO

Posted on 01 maggio 2018 by admin

UN VOTO ANTICO PORTATO A BUON FINE IL DUE DI MAGGIONAPOLI (di Atanasio Pizzi) – Raccontava spesso, nelle gelide serate senza luce elettrica riuniti davanti al camino, il suo sofferto ritorno a casa a seguito del disarmo dell’esercito Italiano alla fine della seconda guerra mondiale: dopo aver parcheggiare il camion officina nel cortile della caserma a Riva di Trento, gli venne ordinato di recarsi nella camerata, ritirare il tascapane e gli effetti personali, poi un ufficiale gli fece consegnare il percussore del fucile, la baionetta, in fine di tornare a casa, perché i servigi verso la patria erano terminati.

All’inizio una grande gioia e subito dopo si rese conto che casa distava oltre mille chilometri dalla parte opposta dell’Italia e non nella comoda direzione Est-Ovest; ma secondo quella più impervia e colma di pericoli, Nord-Sud e sarebbe dovuto tornare a piedi.

Un percorso intriso di pericoli, in quanto, andare controcorrente alle truppe tedesche che ripiegavano devastando ogni cosa e imprigionando ogni persona che non avesse effigi germaniche non sarebbe stata cosa semplice.

Fine marzo, in quella verde vallata dove erano terminati i patimenti di soldato, rimaneva un solo ed unico alleato il Santo Patrono Sant’Atanasio il Grande; e fu così che fece voto di rientrare in paese entro il due di maggio per onorare il santo e abbracciare mia moglie e figlia.

La primavera stava per sbocciare dopo un lungo inverno durato anni e dopo un attimo di sbandamento quel voto al santo protettore apparve l’unico fine da perseguire con tutte le forze,

Dopo aver salutato i miei commilitoni, per non apparire ancora come gruppi antagonisti alle truppe tedesche, ci disperdemmo e ognuno di noi prese la via di casa.

Sapeva di non dover seguire strade carrabili, spiagge e ferrovie, in quanto, la campagna, i boschi e i corsi fluviali erano gli unici alleati; quante chine e quante discese dovute percorrere, poi torrenti e campi senza semina.

Si cibava di prodotti naturali e poche cose che ogni tanto gli donavano i contadini che cercavano di rigenerare gli scenari di una guerra che avevano voluto altri.

Pastori, contadini, mugnai e manovali che svolgevano attività, dividevano volentieri con lui le poche cose del pranzo e lui per ricambiare, avevo solo il racconto della sua storia e la meta a cui ambiva, non ricordava a quanti aveva detto di essere un Sofiota e quali ideali lo sostenevano; poi giungeva il momento di riprendere l’orizzonte ancora soleggiato.

I primi di aprile attraversa la campagna toscana e quanti incontrava, gli dicevano che non avrebbe mai potuto portare a termine l’audace impegno.

Cosa lo spingesse ad andare avanti era il sagrato di quella chiesa la famiglia e i visi fiduciosi di quanti incontra, che come in una gara podistica facevano il tifo per lui, no avendo altro da offrirgli se non le poche cose per cibarsi, la sua infondo era una gara contro un invasore che contro corrente, avrebbe potuto portarlo con se in ogni momento.

Tutte le persone che incrociava ritenevano che la distanza fosse eccessiva e trovare un passaggio era pericoloso, in quanto avrebbe potuto mettere fine al voto, quindi, ogni volta gambe in spalla fino che la luce del sole lo accompagnava.

Lungo la strada immaginava di risalire via Pasquale Baffi e arrivare in piazza, nel momento in cui le campane a festa annunciavano l’uscita del Santo; poi gli amici, i parenti come lo avrebbero accolto, chissà se nella processione ci sarebbero state la moglie e la figlia Francesca o come gli aveva promesso, rimaste a casa ad attendere il suo ritorno.

Questo e tanti altri erano i pensieri che lo accompagnavano, e intanto chilometro dopo chilometro la meta era sempre più vicina.

Era il ventiquattro e iniziavano le novene, quando si trovò nei pressi di Salerno, se le forze lo avessero sostenuto così come, nelle settimane passate l’impresa sarebbe stata possibile e gambe in spalla continuando a cibarsi di ogni cosa che la primavera offriva.

Nei pressi di Battipaglia evitò il centro abitato, così come fece a Eboli, poi verso le gole di Campagna su per frazione quasi deserte, giunse nei pressi delle grotte di Pertosa.

Da qui per Lagonegro, Laino e Campotenese, scelse di seguire percorsi impervi per evitare di incontrare le retroguardie tedesche.

E finalmente la mattina del trenta di aprile, vicino al centro di Castrovillari, ebbe modo di concedersi una pausa di riposo per rendersi presentabile al raggiungimento della meta.

Attraversato il Crati vicino il cimitero di Tarsia e raggiunti, i luoghi della giovinezza, dove portava le pecore a pascolare, la china che avevo percorso tante volte, lo fece sentire a casa perché ormai conoscevo ogni zolla e ogni anfratto di quella meta che per oltre un mese aveva sognato.

Quell’anno il due del mese di maggio cadeva di mercoledì e quando in vico III° Epiro, Adelina si senti Chiamare da suo zio Giuseppe, mentre iniziarono i primi rintocchi delle campane a festa: Adollì, ec mbë quishë se u mbiosh Janari!

Commenti disabilitati su UN VOTO ANTICO PORTATO A BUON FINE IL DUE DI MAGGIO

Advertise Here
Advertise Here

NOI ARBËRESHË




ARBËRESHË E FACEBOOK




ARBËRESHË




error: Content is protected !!