Archive | gennaio, 2018

LA FIAMMELLA CHE INDICA LA VIA

LA FIAMMELLA CHE INDICA LA VIA

Posted on 30 gennaio 2018 by admin

LA FIAMMELLA CHE INDICA LA VIANAPOLI (di Atanasio Pizzi) – Sabato 3 febbraio saranno ricordati e onorati i morti per chi crede nella Regione storica Arbëreshe, una consuetudine che affonda le sue radici nell’alto valore che i minoritari assegnano al ricordo dei defunti.

Ogni famiglia da Domenica mantiene acceso la fioca luce a olio; essa serve a indicare alle anime in pena, il luogo dove vissero nella piena armonia dei cinque sensi.

Una tradizione antica che è impunemente riportata, nell’inconsapevolezza generale, ma la sua paternità è attribuibile solo ed esclusivamente a Pasquale Baffi.

Un appuntamento antico che gli arbëreshë rievocano prima nel privato davanti al camino delle abitazioni e poi tutto il villaggio unito negli ambiti di sepoltura (quest’anno il 3 di Febbraio).

Essa rappresenta la luce che va in cielo, la fine dell’inverno, presto sarà il solstizio di primavere e il sole tornerà a illuminare i territori dove indigeni e arbëreshë hanno condiviso dolori e gioie.

La primavera, l’appuntamento della rinascita, il momento della fratellanza, fu il Baffi a comprendere quale momento della partecipazione e integrazione, tra esuli e indigeni titolandola quale primavera d’Arbëria.

La giornata rappresenta il momento cruciale del ricordo dei morti, prima in forma privata poi pubblica, a febbraio, poi condivisa tra genti e popoli con ideali e valori diversi, a primavera inoltrata.

Essa potrebbe sembrare una funzione religiosa, ma così non è, in quanto, il ricordo dei morti viene prima di ogni religione, essa non ha forme o ideali da contrapporre tra noi e i nostri cari.

Gli abitanti della Regione storica Arbëreshë, sanno che questo è un momento d’intimità diretta, ci rechiamo in quei luoghi, senza l’ausilio di terze cose, idoli o persone, non esistono spazi che possono o debbano allontanare il nostro cuore da quello dei nostri cari.

Solo alla fiammella e nulla più, essa rappresenta la dimensione per avvicinare i nostri sensi e quelli dei nostri cari.

Commenti disabilitati su LA FIAMMELLA CHE INDICA LA VIA

LEGGE 482/99, DINAMICHE LOCALI PER LA TUTELARE DELLA  R.s.A.

LEGGE 482/99, DINAMICHE LOCALI PER LA TUTELARE DELLA R.s.A.

Posted on 23 gennaio 2018 by admin

legge 482NAPOLI (di Atanasio Pizzi) –

Premessa

La capacità di acquisire nozioni per alcuni è una dote naturale, se poi la professione è il frutto di passione che è associata alla conoscenza della lingua madre, applicarli ai temi di tutela e la caratterizzazione della Regione Storica, diventa un’attività spontanea.

Cosa diversa fanno, quanti credono all’impunità dai circoli del rotacismi, dei capitoli, dalle chiavi musicali o dai modelli, laici e non solo, capitolini, che stravolgono e minaccino ogni cosa.

A tal proposito è bene precisare che: se credere che sei secoli di storia si possano riassumere in un foglio notarile; se credete che sia stato indispensabile fornire alla regione storica carta penna e calamai per ottenere tutti i primati guadagnati; se credete che sia un dovere cantare inni Balcani moderni; se credete che la gjitonia sia una piazza, una strada e diverse porte; se credete che l’urbanistica si possa riassumere nelle vicende della fumettistica sessantottina; se credete che gli arbëreshë non pronunciano i mesi dell’anno; se credete che le valje sono la rievocazione di una battaglia; se confondete la primavera Itali Albanese con le Valje; se credete che sia opportuno chiudere il patrimonio sartoriale nei musei; se credete che il costume sia un’occasione di apparire sciatti e sgarbati; se credete che P. Baffi si stato un massone; se non sapete che L. Giura è stato l’eccellenza ingegneristica e della scienza esatta dell’ottocento; se non sapete che V. Torelli è stato eccellenza dell’editoria Italiana dell’ottocento; se credete che Mons. F. Bugliari è stato trucidato dai banditi per un limite territoriale tracciato male; se solo immaginate che il lavoro fatto da Mons. G. Bugliari, sia l’opera di un prete decrepito; se credete che innalzare in pubblica piazza statue alloctone porti ricchezza; se credete che la nobiltà sia solo questione di titoli; non perdete tempo a leggete i miei scritti in quanto punto verso rotte diametralmente opposte alle vostre e vi ritrovereste in luoghi e cose che non siete in grado di condividere.

Si gnë lavinë

La legge a titolo di questo scritto, quando fu pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 297 del 20 dicembre 1999, attivò una serie di effetti anomali, la cui corrente s’incuneò nelle rughe e negli sheshi della regione storica, con una tale violenza da far vibrare gli elevati e quanto e quanti in essi era contenuto; un’energia tale da avvicinare cavalieri e cavalli indigeni in via di estinzione, nel breve e medio termine.

L’evento sollevò dal loro torpore, un gran numero di miracolati che indossato mantello e sistemato in bella mostra il cappello dei “titoli Tiranensi” che nel ristretto orizzonte delle gjitonie, si elevò a strimpellatore di una storia che non ha ancora avuto luogo.

Il gesto, legittimato dalla classe politica, cambia la rotta del progetto legislativo, nato già con la dote  lacunosa per tutelare le minoranze.

La non completezza della legge innesco il processo manifestatosi con l’apertura di un considerevole numero di attività che miravano più alla gloria che allo spirito della tutela .

In luogo, s’intrecciarono rapporti tra i “gabinetti” degli operatori di “difesa” e gli organi preposti per  finalizzare le risorse poste al bando, che non usufruirono di una solida propedeuticità storica.

Ogni sorta d’illuminato,  registratore e telecamera munito, iniziò ad imprimere su nastro magnetico, ogni suono e alito di vento proveniente da Est, che storicamente i nostri avi, lo apostrofavano come malevolo, freddo e da cui era preferibile difendersi per sfuggire agi  effetti influenzali.

Nonostante il ricordo di quest’antica consuetudine ancora viva, furono innalzate macchine da festa e progetti senza alcuna radice, i cui traguardi miravano all’ottenimento di frutti alloctoni senza cognizione di luogo, di tempo, di causa e di uomini.

Fabbrica eolica a cielo aperto, costruita con materiali che generalmente si utilizzano come complementari in una struttura che richiede una consistente dose di solidità e durevolezza .

Naturalmente e per meglio precisare mi riferisco a manoscritto atti notarili e capitoli, generalmente considerati, nello svolgere una ricerca storica, come periferici o complementari; tuttavia negli ambiti di ricerca della R.s.A. furono elevati come definitivi e/o fondamentali.

L’ondata culturale trasversalmente organizzata senza alcuna formazione, priva persino del buonsenso, ma fortemente radicata nel territorio, spinto da una ben nota forza politica, avvio il dilagare lungo la piana, che notoriamente in agricoltura e priva di argini solidi.

La fretta di voler apparire, e lasciare sullo sfondo, chi potevano offrire supporto antropologico, geologico, architettonico e di quelle materie idonee a consolidare il prezioso patrimonio della R.s.A., fece apparire la minoranza come il luogo ove mercanteggiate matrimoni, ovini, bovini, terreni, case e cose.

La confusione del mercato, è stata pregnate al punto tale da allontanare l’attenzione dal “Genius Loci”, storicamente noto come, la preghiera a cui affidarsi prima di avventurasi in qualsivoglia processione.

Il frutto anomalo posto a dimora, ha prodotto un danno materiale di inestimabile valore, giacché, avviò un processo di contaminazione persino del territorio parallelo.

Sottovalutare aspetti unici, spogliati di ogni cosa è stato come calpestarli nelle migliore delle ipotesi o addirittura venduti al primo offerente nella peggiore, quanto si presentava innanzi.

Nacquero così gli stati generali che dovevano fornire la chiave di volta e dare solidità ai trascorsi storici che dovevano sostenere le scelte future; tuttavia il primo elemento identificativo a essere sacrificato in nome di una non meglio identificata urbanistica arbëreshë fu la Gijtonia, in seguito le Valje, poi dopo, la Primavera Italo-Albanese, per giungere addirittura nel pretendere di edificare un paese:

  • La “Gjitonia” fu la prima a soccombere per opera di studiosi alloctoni, muniti cappello e lente di ingrandimento, indagarono i paesi cosentini della regione storica, per volgere lo sguardo in maniera furbesca verso i Sassi di Matera e copiare l’enunciato, eseguito nel dopo guerra, per il quartiere di “la Mortella”.
  • Poi fu la volta delle “Valje”, scambiate per le gesta di una battaglia, lasciandosi sfuggire il particolare che esse rappresentano la metrica nella quale una società che non ha forma scritta si rifugia per lasciare in eredità la storia .
  • Cosi avvenne per la “Primavera Italo-Albanese” che nell’inconsapevolezza generale non si conosceva il valore storico che gli uomini e le donne della R.s.A. le attribuiscono, quale ricorrenza per onorare i defunti degli indigeni e degli arbëreshë che si adoperarono per la crescita di quel luogo, specifico.
  • Quando si dice che alla fine i nodi vengono al pettine è una metafora che deve far riflettere gli stati generali della R.s.A., in quanto, per aver continuamente e ripetutamente mandato in stampa inesattezze e luoghi comuni privi di senso, quando si è trattato di fare sul serio, per la sorte di un intero paese quelle divagazioni storico colturali senza senso sono finite nella trattazione propedeutica della stesura progettuale di un paese, il dato ha sortito all’ultimo errore che storicamente si ricorda nelle note vicende delocative Italiane.

Zëmi

Si potrebbero accennare ad altre distrazioni, il cui fine ha prodotto elementi d’instabilità della minoranza più numerosa d’Italia; tuttavia bisogna pensare ai domani e non ai ieri che ormai il danno lo hanno prodotto.

Allo stato odierno non rimane altro che recuperare i mille frammenti di cui è ricoperta la Regione storica, prefissando un traguardo, non prima di munirci di una grande scorta di caparbietà e conoscenza storica, per continuare a essere la minoranza ancora viva e meglio integrata del mediterraneo; ritenendo di non fare errore se collocare la R.s.A. anche come eccellenza all’interno del vecchio continente.

Per concludere cosa possiamo solo augurarci di fare gjitonia e risvegliare i sensi antichi che sono indelebilmente racchiuse nelle quattro colonne inossidabili della Regione storica Arbër.

Commenti disabilitati su LEGGE 482/99, DINAMICHE LOCALI PER LA TUTELARE DELLA R.s.A.

PER AMORE DELLA REGIONE STORICA ARBËRESHË

PER AMORE DELLA REGIONE STORICA ARBËRESHË

Posted on 09 gennaio 2018 by admin

PER AMORE D’ARBERIA.NAPOLI (di Atanasio Pizzi) – Per connettere i contorni che definiscono la Regione storica Arbëreshë, ha richiesto un impegno professionale non indifferente; poi  in seguito, l’addentrarsi, negli ambiti e le dinamiche storiche, sociali e politiche che hanno determinato le macroaree, ha richiesto una dose infinita di passione; solo in questo modo è stato possibile superare tutte le avversità della tumultuosa diaspora balcanica.

La mia ricerca senza fondi comunitari, statali né tantomeno regionali, vuole essere un volontario contributo per illustrare con garbo la storia delle genti che componevano l’antico “govrnarato Arbëreshë”.

Quando volgo lo sguardo nel mio studio e vedo libri, documenti, unità di archiviazione, appunti e schemi che grondano d’arberia, risvegliano sensazioni che ritengo simile all’antica indole degli uomini che si adoperarono per proteggere le colonne del codice Arbëreshë.

Oggi l’arbëria per usare un eufemismo è simile una Kamastra che sostiene un calderone dove si cerca di amalgamare ingredienti solidi, sporchi e senza alcun tipo di essenza aromatica.

Per questo occorre versare prodotti genuini oserei dire autoctoni arbëreshë e far tracimare la pentola dagli ingredienti malevoli privi di significato, questo ultimi siccome sono vuoti e privi di senso già galleggiano sul bordo del calderone; essi sono: musici, antiquari, affaristi, alchimisti con titoli di radice ignota oltre gli apparentati del cavallo e del cavaliere.

Iniziare a fornire i frutti della vecchia radice alla Regione storica Arbëreshë, è diventato una priorità inderogabile; a tal proposito e per ben iniziare va rilevato che esiste una fondamentale differenza tra Arbëreshë e Albanesi.

La diaspora nasce nel corso del XV secolo, quando gli abitanti delle terre che oggi s’identificano come paese delle aquile, per scelta e natura, decisero di scindersi secondo principi diametralmente opposti.

Gli Arbëreshë hanno assunto la difesa dell’antico codice sociale fatto di consuetudine, lingua, metrica e religione a scapito della terra di origine, già impressa nelle loro menti come sintesi parallela, allocata negli ambiti del meridione italiano.

Gli Skipë preferirono rimanere sulla terra d’origine, tralasciando gli antichi codici identificativi, posti nelle disponibilità degli invasori.

Dal XV secolo gli Arbëreshë non hanno mai dismesso o sintetizzato le caratteristiche del codice identificativo, addomesticarono i territori a essi assegnati, per insediarsi secondo le consuetudini della terra di origine.

In seguito dopo un periodo di confronto e scontro, iniziarono l’ascesa culturale che li ha elevati negli ambienti culturali europei oltre che a portare a buon fine il modello di integrazione meglio riuscito di tutto il mediterraneo.

Le colonne portenti della cultura Arbëreshë fondano le radici nell’idioma, nella consuetudine, nella metrica del canto e la religione greca ortodossa.

Quest’ultima è stata la prima pietra miliare a essere violata, dai vescovati latini, con pressioni e patimenti non indifferenti per la popolazione arbëreshë, sino alla metà del settecento, facendo convertire numerose macroaree della regione storica, al nuovo rito.

Nella meta de settecento una svolta strategica Vaticana, ha usato gli abitanti dei paesi arbëreshë dello jonio cosentino per fini di sottomissione religiosa; infatti, sotto mentite spoglie, ha posto in essere una struttura formativa religiosa, alla cui cabina di regia sedevano i vertici Vaticani, in essa si dovevano formare prelati per le macroaree dello Jonio calabre denominando l’operazione come, una finestra aperta all’ortodossia.

La confusione che ne scaturì, ha fatto vacillare non poco la storica ideologia arbëreshë, che prima cantava in greco, poi in latino, poi in lingua madre e nel tempo di un secolo, hanno visto le proprie chiese cambiare forma colore e orientamento, terminando l’operazione di restyling coprendo con dipinti le lacrime e il sudore di quei credenti che avevano innalzato i simboli secondo l’antico codice.

All’inquietudine religiosa nell’ottocento si è accostata anche quella politica, che ha portato all’unità d’Italia e l’istituzione con la finestra aperta sullo Jonio, è stata piegata con eleganza a favore delle vicende unitarie.

Terminato il periodo di unificazione, l’emblema religioso èra stato stravolto e aveva perso ogni significato del senso per cui era nato, motivo per il quale dopo una attenta analisi, si è preferito abbandonare la formazione clericale a favore di quella laica e chiudere la finestra verso oriente, essendosi nel frattempo aperti nuovi balconi di dialogo in altre sedi.

Da questa vicenda gli arbëreshë escono confusi e con una delle loro colonne portanti deteriorate, è solo grazie alle intuizioni di menti eccellenti d’arbëria, i danni furono circoscritti e non intaccarono le altre componenti rimanessero ancora intatte.

Tuttavia è dal XV secolo che gli ecclesiasti si adoperarono per minare il codice linguistico affiancando ad esso una scrittura fatta prevalentemente di lettere greche, tuttavia la distanza che poneva gli ambiti sociali arbëreshë dagli altari clericali, non produsse alcun effetto nella popolazione parlante, che continua a vivere idioma, consuetudine e metrica.

Il processo d’inventare una forma scritta dell’antico codice fu rifiutato nel settecento dal Baffi già, che garbatamente non produsse, per sua scelta, nessuna opera il tal senso; tuttavia fu l’unico arbëreshë a intuire cosa succedeva nella Calabria Jonica e corse ai ripari.

Nella prima metà dell’ottocento, ignari personaggi privi di adeguati titolo e senza alcuna cognizione storico/sociale, avviarono la stagione delle romanze in arbëreshë, (operazione pubblica che voleva esternare un disagio privato) attingendo dall’alfabeto greco e latino.

Gli immaturi avventori, nonostante V.Torelli, fosse di tutt’altro parere, diede seguito ad avvenimenti che ancora ad oggi non si riescono a contenere tanto sono diventati malevoli.

Vero è che in Albania agli albori del novecento, erano stati elevati alfabeti che raccoglievano i sorrisi ironici dei maggiori salotti culturali europei, un singolare allineamento di lettre, che variava dalle ventisei alle cinquantaquattro unità, prospettando addirittura per il futuro ventagli molto più ampi.

La conferma di questo disastro alfabetario, lo ritroviamo oggi nel gran numero di personali parlate private, la cui fonte da cui attingere sia allocata nelle terre albanesi dalla terra madre, nonostante la regione storica conserva indelebilmente quei dettami che i temerari Arbëreshë riversarono per non essere contaminati dal futuro Albanese.

Oggi il danno prodotto si cela dietro il paravento del rotacismo o secondo l’enunciato che tutte le lingue si devono evolvere e addirittura, che gli arbëreshë non hanno capacita è i numeri per farlo; tuttavia a tutte queste persone vorrei ricordare che probabilmente nel loro curriculum formativo; è sfuggito lo studio secondo il quale, “l’Arbëreshë non è una lingua, ma notoriamente un “codice ””.

Nella china intellettuale che gli uomini arbëreshë intrapresero per dare lustro alla regione storica va ricordato l’apporto di Pasquale Baffi e Mons. G Bugliari da Santa Sofia, L. Giura da Maschito, V. Torelli da Barile, P. Scura da Vaccarizzo, Mons. F. Bugliari da Santa Sofia e pochi altri che non superano la meta delle dita di una mano.

Essi pur rappresentando circa un secolo e mezzo di storia, sono stati capaci a dare senso alle vicende letterarie e politiche in maniera irripetibile, tuttavia non hanno potuto nulla contro la marea che di li a poco avrebbe soprafatto il codice arbëreshë dalle incongruenze e dalle incoerenze.

Nonostante l’opera delle brillanti menti arbereshe abbia fatto entrare, la regione storica, in tutti i salotti culturali d’Europa, essi sino a quando sono stati in vita non hanno mai smesso di pensare, sognare e interpretare le loro idee in arbëreshë.

Tutti e nelle diverse epoche in cui vissero, ogni volta che notizie malevoli, giungevano a Napoli con protagonista l’arbëria, si prodigavano a dare senso politico, culturale, scientifico, giuridico e intellettuale di altissima qualità.

Il prodigarsi di Baffi e F. Bugliari per elevare la qualità culturale nella provincia citeriore calabrese alla fine del settecento o le note negative che V. Torelli espresse quando, rimandando a casa l’ignaro scrittore, che utilizzava, lettere greche e latine, per dare forza culturale all’idioma arbëreshë hanno comunque lasciato un segno, a noi rimane il dovere di ricordarlo e mantenerlo vivo.

Questi uomini di grande rispetto per l’arberia, hanno provato a tracciare i confini politico culturali della regione storica; finito il tempo delle eccellenze, a frenare il linciaggio dell’arberia furono l’avvento delle guerre mondiali del secolo scorso e la ricostruzione della nazione, questi eventi nel bene o nel male congelarono il malevolo fenomeno editoriale.

Ma come avviene anche in meteorologia dopo la quiete, arriva la tempesta e con un crescendo devastante, dagli anni settanta con le ideologie sessantottine, la libera università e la legge 482/99 a tutela delle minoranze storiche italiane, hanno riavviato il fenomeno di faglia culturale e nuovi fenomeni tellurici hanno invaso tutta la regione storica.

Dal secolo appena iniziato a oggi, comincia un’altra storia di spogliatura della consuetudine, della metrica, strapazzando a dismisura il credo religioso e l’idioma, ma questa è un’altra storia che quanto prima racconteremo.

Oggi viviamo con la speranza che si ricompongano i pezzi sparsi su tutto il territorio della regione storica e le cose genuine opportunamente unite possano partorire la soluzione ideale per dare senso al quel patto fatto dai nostri avi a se stessi e per noi tutti.

 

Commenti disabilitati su PER AMORE DELLA REGIONE STORICA ARBËRESHË

LIBERE INTERPRETAZIONI ASSOCIATE ALLA STORIA ARBËRESHË

LIBERE INTERPRETAZIONI ASSOCIATE ALLA STORIA ARBËRESHË

Posted on 05 gennaio 2018 by admin

LE DUE GAMBE DELL’ARBERIA2NAPOLI (di Atanasio Pizzi) –

Nota di perplessità

Atanasio Pizzi –  egregi cultori della redazione di Geo; Irina Kastriota, sposò il principe Pietrantonio Sanseverino, il 1539, gli arbëreshë dimoravano nel principato citeriore di Calabria dal 1471; il vestito arbër, non lascia dieci centimetri dalla punta delle scarpe; il velo è dorato; i capelli non li sistema la parrucchiera ma la comare che copre il tutto con la Kesa. Sono uno studioso Arbëreshe e quella che avete illustrato non è l’arberia in cui mi riconosco!!!!

Risposta

Geo – Gentile dottor Atanasio Pizzi, le diamo atto della incongruenza cronologica relativa al matrimonio tra Erina Castriota e Pietrantonio Sanseverino. Purtroppo, è una “vulgata” molto diffusa e nel caso specifico si è evidentemente trattato di un lapsus del nostro ospite, tradito forse da una certa emozione. È innegabile però che quel matrimoni abbia comunque portato significativi vantaggi agli Arbëreshë.Riguardo al costume arbëresh, come saprà, esso varia significativamente per foggia, colori, particolari da una zona all’altra dell’Arbëria, non solo calabrese. Restando nel Cosentino, ad esempio, il costume delle comunità del versante sinistro della Valle del Crati è parecchio diverso da quello della Presila Arbëreshe, e questo da quello delle comunità del Pollino, a sua volta distinguibile in due aree. All’interno di una stessa area, poi, vi sono differenze minori che identificano singole comunità. Così, limitandoci agli elementi da lei evidenziati, nelle comunità del versante sinistro della Valle del Crati, la lunghezza della gonna è decisamente sopra la caviglia, come sopra la caviglia (ma un po’ meno) è anche a Frascineto ed Ejanina (zona Pollino).La cosa è ancora più complicata dall’altezza di chi lo indossa se parliamo di costumi antichi indossati da ragazze dei nostri giorni, decisamente più alte delle loro ave. Allo stesso modo, il velo è (prevalentemente) in trina d’oro e rettangolare nelle comunità della Presila, ma è sempre in tulle bianco ricamato in bianco o in oro (in relazione alle disponibilità economiche della famiglia) nelle altre zone e addirittura ha forma triangolare nelle comunità del versante sinistro della Valle del Crati.

Circa l’acconciatura, prima ancora della comare, la condicio sine qua non per la realizzazione di quella tradizionale (kshetët) è che la persona che indossa il costume abbia i capelli di lunghezza sufficiente a consentire di intrecciarli nella maniera prescritta e poi formare lo chignon sul quale fissare la keza. Difficile oggi trovare ragazze che soddisfino questo requisito.

Semplicemente perché ognuno vive nel proprio tempo e il nostro tempo è questo.

Di donne e ragazze che, in occasione di feste e ricorrenze, indossano con orgoglio l’abito tradizionale pur sfoggiando acconciature moderne se ne vedono ormai tante da tempo! 

E del resto, per la stessa ragione, ormai anche nei paesi il/la parrucchiere/a ha da tempo sostituito le comari di una volta. 

Nulla rimane fisso nel tempo, ogni realtà si evolve.

In questo senso, il problema degli Arbëreshë non è la lunghezza della gonna o l’acconciatura. È piuttosto la loro sopravvivenza linguistica e culturale in realtà globalizzata che li sta sopraffacendo e in un contesto in cui, a causa della sua applicazione fortemente lacunosa, anche la tutela “debole” derivante dalla legge 482/1999 resta di fatto inefficace.

Chiarimenti e note storiche

Spett.le Geo,  Erina Castriota, sposa di Pietrantonio Sanseverino, purtroppo, in quel di Cassano allo Jonio aveva ben altri patimenti familiari da risolvere, che concentrarsi sulle pene degli arbëreshë.

Riguardo al costume arbëreshë, mia madre è stata una delle ultime sarte storiche di questa bandiera albanofona e quando parlo di costume, so bene quale è il senso, conosco il significato dei colori, le proporzioni e chi e come deve indossarlo; sia essa della macroarea del pollino, delle miniere, della mula e di tutte le sedici che compongono la Regione storica Arbëreshë.

Le ragazze Arbëreshë sono note per la loro bellezza, e il costume femminile è l’espressione per valorizzare ognuna di loro, se poi vogliamo fare spettacolo, non stiamo parlando e ne trattando della consuetudine minoritaria più antica del mediterraneo, facciamo altra cosa! 

Parlare della bandiera di ogni macroare ed esporla sotto forma di sintesi, ritengo, che non vada nella direzione che difende il codice, specie se fa parte di un programma televisivo di spessore e di grande bacino di utenza come il vostro.

Il problema degli Arbëreshë è la tutela del suo codice ha bisogno di messaggi precisi e certi, onde evitare confusione negli animi e nelle menti delle generazioni che devono ereditare l’identità storica, tuttavia le leggi di tutela sono fatte dagli uomini e purtroppo non sono gli stessi Arbëreshë che difendono lingua , consuetudine, metrica e religione con caparbietà dal XV secolo .

Quegli uomini che segnarono una strada indelebile antichissima, attraverso le terre del meridione e grazie al quale, si è giunti all’individuazione dei luoghi paralleli poter creare ambiti e proteggere la storica consuetudine linguistica arbëreshë.

È doveroso precisare che gli esuli, per adempiere la promessa data in terra madre, si avventurarono attraverso percorsi impervi, corsi fluviali inesplorati, mari in tempesta e in fine salirono la faticosa china dove apparivano le insule ideali e difendere quanto non andava dismesso.

“La promessa data, (Besa); è stata utile per dare continuità a un’identità antichissima è per noi Arbër del secolo appena iniziato, è un dovere dare seguito al patto fatto per noi dai noi nostri avi”.

Esso ha radici antichissime che dal quattrocento traccia una linea di confine di due distinte società, le stesse che oggi ritroviamo dalla parte arbër, con molta più determinazione rispetto al popolo che vive in Albania e ci riconosce questo merito/primato.

I due diversi atteggiamenti, restituiscono una popolazione che ha difeso il territorio e l’altra che ha tutelalo l’identità; il codice.

Entrambe hanno sacrificato una parte di se stessi, per cui chi ha difeso la terra ha associato al suo unicum una sintesi della vecchia radice culturale; diversamente, chi ha deciso di difendere la radice ha preferito la sintesi territoriale.

Da un po’ di tempo a questa parte ha avuto inizio la stagione dei campanili, dei minareti e del protagonismo a tutti i costi, “una nuova diaspora moderna”, la quale assume aspetti preoccupanti e paradossali, giacché, non va nella direzione di caratterizzare la R.S.A. ma crea un calderone con gli ingredienti delle colonne portanti con eventi alloctoni, questo errore di sintesi ha prodotto l’arberia dei” litìrh,”.

P.S.

Mi rendo conto che i concetti sono molteplici e di grande attenzione per quanti vivono l’arberia e i tempi di un “mesaggino” multimediale non possono sostenere sei secoli di storia e parliamo solo di quella moderna!!

 

Atanasio arch. Pizzi                                                                                

Napoli 2018-01-05

Commenti disabilitati su LIBERE INTERPRETAZIONI ASSOCIATE ALLA STORIA ARBËRESHË

Advertise Here
Advertise Here

NOI ARBËRESHË




ARBËRESHË E FACEBOOK




ARBËRESHË




error: Content is protected !!