Archive | Folklore

Thë Sheschi

Thë Sheschi

Posted on 14 aprile 2019 by admin

Poesia

 

ka-Kopa

 

 

 

“Ho imparato tutto dell’arbëreshë, persino piangere; tuttavia quando ho male, rimango in silenzio, tanto nessuno capirebbe!”

 

Commenti disabilitati su Thë Sheschi

CRISTO SI È FERMATO A EBOLI: MA CHI LO DICE, SAPEVA ALMENO DA DOVE PROVENIVA?

CRISTO SI È FERMATO A EBOLI: MA CHI LO DICE, SAPEVA ALMENO DA DOVE PROVENIVA?

Posted on 11 aprile 2019 by admin

CRISTO SI È FERMATO A EBOLI MANAPOLI (di Atanasio Pizzi) – Nel percorso di studio per la definizione della Regione Storica Arbëreshë, sono parte inscindibile le vicende mediterranee dell’Impero Romano d’Oriente e d’Occidente.

Sicilia, Calabria, Lucania e Puglia, il cuore pulsante del mare nostrum hanno riverberato modelli culturali in tutta Europa, per questo sono da considerarsi, fucine culturali e modelli sociali irripetibili a cui tutti i popoli del vecchio continente ambivano giungervi.

Non per conquistarle e distruggerle, ma per viversi, perché territori climaticamente ideali; come citava in proposito Aristotele: dove le arti e la cultura germogliavano e progrediscono.

Le regioni per questo conservano un patrimonio culturale che si rigenera grazie al clima e i suoi parametri rendono solidi il tangibile e l’intangibile che in esso prolifera.

Il dato di fatto, smentisce la definizione secondo cui la rotta è priva di valori culturali, o non illuminati dalla luce di Cristo, quanti affermano ciò, sono stati partoriti dalla dea dell’ignoranza.

Immaginare la via di Cristo diversa dalla via Appia, l’Herculea, la Popilia per giungere nelle periferie campane, è segno di non conoscere la storia e la geografia più elementare, sporcando, con questa affermazione  l’’opportunità di redenzione culturale offerta .

Definire regioni dimenticate da Cristo  le terre dove sono nate e si sono sviluppate le culture del mediterraneo, oltre le religioni che mantengono distesi gli equilibri politici del mondo, il confino  è stata una misura troppo lieve.

Immaginare il supremo provenire da nord, rappresenta una deriva culturale che non ha precedenti e non trova spiegazione, in nessuna ragionevole manifestazione di protesta.  

Il meridione circoscritto dalla Sicilia, la Puglia, la Calabria e la Basilicata sono gli stessi ambiti, che illuminarono persino i romani; ritenerli privi di guide divine, specie da quanti non sanno che opporsi per partito preso,  per soffocare la ragionevolezza dei saggi, si fa confusione tra sacro e profano.

Stiamo parlando delle ideologie culturale del secolo scorso, le stesse poi applicate  da una parte politica del nostro paese e alcuni anni dopo hanno dato inizio  alla deriva culturale della regione storica.

Il rimaneggiare il prezioso modello mediterraneo d’integrazione, unica essenza, ancora integra che dopo l’ombra prodotta da quanti  si sono inchinate con lo scopo di valorizzarla, ha dato avvio al processo di decadimento degli ambiti della minoranza, deteriorandola.

La Regione Storica Arbëreshë è la prova che Cristo in questi luoghi vi è transitato lasciando la saggezza linguistica, quella della religione che avvicina i popoli, attraverso consuetudini e metriche che solo chi è arbëreshe  comprende, giacché, non esistono scritture con cui tramandare i codici, non esistono scritture per integrare popoli, non esistono scritture per ripetere miracoli.

Quando le menti politicizzate smetteranno di immaginare che gli ambiti attraversati, bonificati e vissuti dalla minoranza, sono un cantiere di studio mono disciplinare, i cui abitanti cantano e ballano con la metriche senza senso, si potrà dare avvio alla stagione dei Criteri Minimi Della Dispersione Culturale.

Siamo alle porte della Santa Pasqua, essa rappresenta il momento della rinascita, e dal lunedì successivo partiranno le manifestazioni che caratterizzano la regione storica.

La storia ci ricorda  che  questo non è la festa delle battaglie vinta nel XV secolo, secondo una improbabile leggenda, giacché,  rappresenta il momento di fratellanza e i canti di giubilo, (le Valje) secondo la metrica antica, vuole ricordare le lodi di giubilo fraterno, rivolta agli indigeni per l’inizio della rotta dell’integrazione.

Commenti disabilitati su CRISTO SI È FERMATO A EBOLI: MA CHI LO DICE, SAPEVA ALMENO DA DOVE PROVENIVA?

I REMË

I REMË

Posted on 24 marzo 2019 by admin

I REMËNAPOLI (di Atanasio Pizzi) – Resta in silenzio, ascolta e pensa agli arbëreshë, questo appena trascorso è stato un anno difficile e penoso per le certezze della Regione Storica Arbëreshë.

Credetemi, fidatevi, voi ultimi veri e sani arbëreshë, allevati con le essenze della cultura, con i ritmi dell’antica metrica; quello appena trascorso è stato un anno senza gloria e la pena prodotta è stato cosi profondo da far nascere paure mai avvertite.

Vi mentirei se vi dicessi che per diventare un arbëreshë che conosce la storia, ho letto qualche libro, voi lo sapete che vi mentirei perché avete consapevolezza della conta che ci vuole per sapere di arbëreshë.

Sapete bene che non vi parlerò mai di un ballo tondo, perché non esiste, ne tanto meno di valje sotto forma di danzate, per festeggiare stragi, ne vi citerò di borghi emblemi di quanti compongono e vivono la regione storica.

Fidatevi di me, voi vecchi saggi arbëreshë, ultimi portatori parlanti, fidativi di me, quando vi dico che voi sarti di cose antiche, nei vostri bauli non conservate la preziosa arte, voi vestite in rosso in oro e in altri colori e avvolgete di bianco il seno, lasciando al vento in maniera scandalosa tanto che si dissolva nel nulla.

O saggi sagomatori, guardate e ditemi se vedete credenze sartoriali o strappi, strappi profondi, proprio li dove le preziose cuciture irreparabilmente disallineano le forme delle nostre donne; vorrei poter fuggire per dimenticare queste visioni innaturali, ma non voglio fingere, vorrei poter cancellare tutto per ricomporre la dignità di quelle vesti che danno la vita, non oso toccarle per non alimentare il danno irresponsabilmente prodotto.

Sarei un bugiardo, un ottimo bugiardo se affermassi giusto mandare gli adolescenti a raccontare le storie del vostro Katundë perche voi siete certi di quello che dicono.

Sarei un bugiardo, un ottimo bugiardo se vi dicessi che è giusto tutto quello che si racconta del costruito storico della regione storica, su Sheshi, Chiese, Palazzi, Kalive e Katoj e chi lo fa lo fa perche sa studiare, e quindi sono degni della vostra fiducia.

Sarei un bugiardo, un ottimo bugiardo se vi dicessi che gli antichi abitanti delle terre balcaniche non bruciavano i loro defunti per conservare le ceneri.

Quanto mi pesa essere lucidamente consapevole di quanto accade; vorrei dirvi che qui tutto va bene, ma non so mentirei e voi che osservate, lo sapete che dico una bugia, se vi dico che in mostra in ogni manifestazione è la nostra storica.

Non ho imparato a parlare l’arbëreshë con il telefono; io lo ascolto sin dal grembo materno e dopo che sono nato ho iniziato a vagire con la metrica importata dalla terra di origine; ascoltato penso e parlo arbëreshë, poi traduco in italiano.

Ora lo sapete, ora lo sapete anche perché lo confesso, forse non ho fatto quanto avrei dovuto fare, per evitare questi troppi domani, irreparabili e malevoli strappati. 

Tutti i miei sogni, non hanno mai significato molto, anzi direi nulla per chi ha avuto modo di confrontarsi, con la mia irriducibile caparbietà; essi sono gli stessi che legano la loro felicità oltre quella dei propri cari, alla lucentezza delle antiche lire, diventate con meno valore con gli euro; voi lo sapete saggi anziani arbëreshë io non ho aperto mai cantieri per voi, volevo solo vivere la mia vita in conformità con le cose e le persone del passato, immaginando scenari di coerenza, e avere come ricompensa l’illusione di aver fatto piacere a chi ci ha preceduto nel fare sacrifici.

Tuttavia, nonostante tutto, seguo la mia strada, in compagnia di bastone solido, quest’ultimo non serve per difendermi dal mondo fuori controllo, ma come oggetto con cui innalzare le preziose stoffe mai cucite, e segnare con le ombre il territorio, senza scalfirlo ed evitare di creare problemi, problemi, problemi, cercando almeno di frenare volutamente le tante missioni in via di allestimento.

Non riesco a respirare, quando mi chiedono di pensare e di parlare come fanno tanti antiquari, non posso essere, non posso essere, non posso essere come loro; credimi, sono un pessimo bugiardo, cattivo bugiardo, ora lo sapete, lo sapete, sono un pessimo bugiardo, cattivo bugiardo, se vi dico che da qui si vede un raggio di luce.

Siete liberi di andare per le rotte indefinite, e gridare al vento che i Katundë arbëreshë sono borghi, ma credetemi, sono un pessimo bugiardo, se vi dico che avete fatto bene, giacché il vostro futuro è fermo e la luce che vedete in lontananza, non vi porta nel blu del cielo infinito, essa è fatta di bagliori rossi e porta lungo la rotta del verticale basso!

Commenti disabilitati su I REMË

IL DICIANNOVE MARZO PER LA REGIONE STORICA ARBËRESHË

IL DICIANNOVE MARZO PER LA REGIONE STORICA ARBËRESHË

Posted on 18 marzo 2019 by admin

IL DICCIANNOVE MARZO PER LA REGIONE STORICA ARBËRESHËNAPOLI (di Atanasio Pizzi) –  Le stagioni all’interno della Regione storica Arbëreshë scandiscono le attività terrene secondo un legame inscindibile tra uomo, natura e credenza.

Un macrocosmo i cui protagonisti erano e sono a tutt’oggi l’uomo, i luoghi addomesticati e la variabile naturale, quest’ultima, ritenuta dalla credenza popolare a servizio dalle divinità.

Queste ultime nel periodo della semina erano chiamate in causa attraverso manifestazioni che  sfidavano il buono, rappresentato dalla raffigurazioni religiose e il male, il pagano, dando avvio a manifestazioni ben oltre i limiti del buon senso.

Tuttavia, a scandire lo scorrere del tempo nelle attività delle genti arbëreshë era racchiuso “nell’inverno” (Dimeri) e “l’estate” (Vera); uniche due stagioni a cui si legavano tutte le attività terrene e a cui si ispirava anche Aristotele nelle sue caratterizzazioni degli uomini; egli prediligeva, in quanto Greco, quanti vivevano negli ambiti collinari, in quanto le più strategiche e idonee per la formazione degli uomini, i detti luoghi forgiavano gli uomini e li rendeva più propensi alle attività produttive e alle arti, in quanto la stagione che iniziava il 19 marzo e terminava il 29 settembre, climaticamente più temperata consentiva la migliore crescita sociale, produttiva e artistica.

Lo stesso calendario con i dodici mesi, qui in seguito, riportato in arbëreshë, racchiude questo teorema, in altre parole non è altro che l’espressione condivisa di due tappe temporali, la prima alimentata dalla luce del sole, la rinascita, e la seconda il buio la notte, priva di luce, la natura che si riposa.

Per gli Arbëreshë queste tracce le ritroviamo attraverso le attività Kanuniane, ligie alla socializzazione, alla produzione e il passaggio di testimone, alle nuove generazioni.

L’estate e l’inverno, che rispettivamente iniziano e terminano il 19 di Marzo, il giorno di San Giuseppe e il 29 settembre giorno di San Michele sono due momenti in cui le allegorie all’interno della regione storica diffusa, si ripetono identicamente in ogni dove con riti propiziatori, in cui il pagano, quello che offrirà il sottosuolo (gli Inferi), si armonizza con il cielo (il Divino) per rendere vivibile la vita degli uomini sulla terra (il Purgatorio).

  • GennaioJamari – Mese dedicato a Ianus (Giano), Dio bifronte, che segnava simbolicamente il passaggio dal vecchio al nuovo anno;  Ianuain latino significa “porta”.
  • Febbraio – Fjovarideriva da februa  “purificazione”, il mese in cui si praticano le attività per la purificazione dei campi prima della semina.
  • Marzo – Marsi o Shën SepaMese dedicato a Marte, dio della guerra o il mese dell’Equinozio di Primavera cade generalmente alla fine della seconda decade di Marzo a tal proposito è bene citare un antico detto: (S. Giuseppe il -19 marzo porta il candeliere in cielo perché sarà il sole ad illuminerà l’estate.
  • Aprile – Prilj dall’etrusco Apru, Afrodite dea greca e prima ancora, fenicia: essa rappresenta la dea della forza vitale, sotterranea, che induce le gemme a fiorire.
  • Maggio – Maji il mese di Maia, dea della fertilità, era in questo mese che nell’antichità si praticavano i rituali mirati alla fertilità dei campi e si apponevano amuleti per allontanare il malefico.
  • Giugno – Querishtua o Curishtuail mese dedicato alla dea Iuno, cioè Giunone; tuttavia è anche il mese delle ciliegie (quèrshi) e dalla mietitura (Cuermi), tagliare accorciare, raccogliere il grano.
  • Luglio – Lionarj – Dedicato a Gaius Iulius Caesar, Giulio Cesare,
  • Agosto – GushtiDedicato a Gaius Iulius Caesar Octavianus Augustus, l’imperatore Ottaviano Augusto.
  • Settembre – VjesgtSettimo mese dell’antico calendario di Romolo che vedeva settembre come settimo mese da marzo, e per alcune culture la numerazione si dilunga sino al dodicesimo mese dell’anno; tuttavia in questo mese cade l’Equinozio di Autunno (22 o 23 Settembre) nel quale il Sole sorge esattamente a Est . Va in oltre ricordato che: “San Michele -29 settembre- porta il candeliere dal cielo, per illuminare l’inverno degli uomini”.
  • Ottobre – Shën Mitri o Vreshëtottavo mese dell’antico calendario di Romolo, gli arbëreshë attribuiscono a questo mese anche significati consuetudinari/religiosi legati alla raccolta delle uve, da qui Shën Mitri o Vreshët.
  • Novembre – Shën Mërtini o Vereth nono mese dell’antico calendario di Romolo gli arbëreshë attribuiscono a questo mese anche significati religiosi e legati alla maturazione del vino da qui Shën Mërtini o Vereth.
  • Dicembre – Shen Ndreu – decimo mese dell’antico calendario di Romolo esso rappresenta anche la fine del Solstizio d’Inverno che cade il 21 o il 22 Dicembre. In questi tre mesi ultimi mesi il Sole nel cielo è stato sempre più basso ed il suo percorso sarà sempre più breve.

Commenti disabilitati su IL DICIANNOVE MARZO PER LA REGIONE STORICA ARBËRESHË

LA REGIONE STORICA ARBËRESHË E LA PIETRA CHE ARDE PER LE ANIME DEL PASSATO

Protetto: LA REGIONE STORICA ARBËRESHË E LA PIETRA CHE ARDE PER LE ANIME DEL PASSATO

Posted on 23 febbraio 2019 by admin

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Commenti disabilitati su Protetto: LA REGIONE STORICA ARBËRESHË E LA PIETRA CHE ARDE PER LE ANIME DEL PASSATO

IL COSTUME, LA BANDIERA DELLA REGIONE STORICA ARBËRESHË

Protetto: IL COSTUME, LA BANDIERA DELLA REGIONE STORICA ARBËRESHË

Posted on 21 febbraio 2019 by admin

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Commenti disabilitati su Protetto: IL COSTUME, LA BANDIERA DELLA REGIONE STORICA ARBËRESHË

DA PATUNDË A KATUNDË

Protetto: DA PATUNDË A KATUNDË

Posted on 16 febbraio 2019 by admin

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Commenti disabilitati su Protetto: DA PATUNDË A KATUNDË

LA TUTELA DISARMATA DELLA CULTURA ARBËRESHË

LA TUTELA DISARMATA DELLA CULTURA ARBËRESHË

Posted on 10 febbraio 2019 by admin

LA TUTELA DISARMATANAPOLI (di Atanasio Pizzi) – Lo stato in cui versa la struttura della tutela storica minoritaria meridionale, denota quanto sia stata disarmata la difesa del modello gjitonia, forza di accoglienza pulsante, della regione storica arbëreshë.

Per dimostrare ciò è bene precisare che la distanza (“scarto“) misurata, elaborata e costruita, tra le tradizioni culturali arbëreshe e indigene, invece di articolarla all’interno di molteplici domini, quali: la morale, le logiche del senso, l’arte, le strategie vissute per guadagnare un diverso accesso e scoprire il carattere inedito e non scontato, ha seguito la ricostruzione linguistica germanica del 1871.

Tralasciando le proprie categorie di merito che avrebbero messo in luce la particolare piega, che le ha prodotte; per questo ad oggi rimangono ancora inesplorate le categorie decisive per l’orizzonte teoretico, pratico e politico contemporaneo, di cultura e identità.

In conformità alla premessa, aprire un cantiere di studio teorico/ grafico (Diplomatica) utile a definire lo ‘scarto’ dei pensieri arbëreshë e indigeni, segna quanto sia indispensabile porre l’attuazione sul giusto confronto e aprire tra i due pensieri, un comune campo parallelo conservativo delle due identità.

L’erroneamente appellata “aRBËRIA” che vuole individuare un luogo stabile, è vetusto, ma più di ogni altra cosa, privo di ogni genere di armatura, in quanto storicamente disarmato e disarmante, i cui elevati tangibili e intangibili, non trovano alcuna conformità strutturale.

Per questo essa diventa “appellativo assurdo” assolutamente da scartare, cosi come, lo è la teoria che l’albanese e l’arbëreshë sono la stessa cosa e che devono affidarsi a una misura standard.

Questo è un errore grave e denota molto bene lo “scarto” di quanti si sono prodigati verso temi a loro oscuri, in quanto, non è concepibile che genti con vissuti e momenti storici dissimili possano ritenersi addirittura identici, quando sarebbe bastato creare i presupposti per determinare il preciso scarto, l’esatta misura.

Quei pochi che hanno preso consapevolezza, e usano l’appellativo di “regione storica arbëreshë”, non stanno sollevando muri o creando barriere per ghettizzare, come avveniva nelle architetture medioevali, in quanto, i principi degli abitanti della regine storica, sono quelli della città diffusa o meglio città aperta, che si basa sui valori urbani del rione e non del quartiere, come spesso si ode per opera di eminenti oratori.

I Katundi Arbëreshë sono i luoghi dell’integrazione, qui l’accoglienza è un dovere, un proprio momento di confronto, l’ospite si siede a capotavola e viene udito e riverito; facendo diventare la Gjitonia il luogo sano, senza confini, per riverberare esperienze senza contrapporsi o sovrapporsi; un momento di condivisione, una rotta parallela costruttiva.

L’ospite nei paesi della “regione storica” è sacro, diventa parte della famiglia ospitante, “atto di accoglienza e confronto” in cui le uniche armature sono il rispetto delle proprie origini e dei propri ideali.

Nei paesi della regione storica, l’ospite entra a far parte della famiglia e i suoi valori sono rispettati, due vie parallele a confronto che convivono e si confrontano solidamente distanti tanto quanto serve per rilevare lo scarto tra la morale, le logiche del senso, l’arte, le strategie vissute per realizzare manufatti idonei, duraturi, che la scienza esatta riconosce nelle strutture armate, non in senso bellico, ma quelle necessario a sopportare ogni tipo di sollecitazione naturale o indotta dall’uomo.

Perché questi concetti non sono mai stati dibattuti e portati alla ribalta, perché si è preferito la via dell’ostinazione nel ritenere la gjitonia un suddito, un sotto prodotto del vicinato, senza mai invece porle sullo stesso piano, accostarle per scoprire le fondamenta?

Quale difesa hanno prodotto gli arbëreshe verso di essa in convegni, tavole rotonde, cattedre e momenti legislativi se si usava paragonarla come sotto prodotto del modello indigeno?

Dove stavano i cavalli, la destrezza, le capacità per la sagomatura del ferro, utile ad armare i monoliti (i pilastri) della regione storica arbëreshë?

Una risposta plausibile ci sarebbe, ovvero,  la responsabilità sta in tutti coloro, che con sorrisi ironici, hanno indossato le verti e la corona sul capo per addobbarsi da Dante Alighieri, spargendo versi e sonorità senza senso, magari pure raccolti nel paese di fonte.

Commenti disabilitati su LA TUTELA DISARMATA DELLA CULTURA ARBËRESHË

“L’ARBËRESHË: UN IDIOMA INTIMO”

“L’ARBËRESHË: UN IDIOMA INTIMO”

Posted on 27 gennaio 2019 by admin

ARISTONAPOLI (di Atanasio Pizzi) – Chiunque abbia immaginato che dare continuità storica, alla lingua di quanti vive la Regione storica più numerosa d’Italia, sarebbe bastato scriverla, ha commesso un grave errore e oggi deve salire sul cumulo di scorie contaminanti prodotte, allontanando preventivamente gli ignari che hanno intrapreso la stessa rotta.

L’idioma delle popolazioni balcaniche che dal XIV secolo cercarono riparo nel meridione italiano, storicamente ha la peculiarità di essersi tramandato oralmente, regolato, dalla metrica del canto.

Questo è un dato inconfutabile da cui non si può prescindere, nonostante la indubbia valenza storica dell’idioma legato sia alla metrica e sia alla consuetudine ambientale è stato inteso come un giardino di pertinenza delle sole discipline linguistiche e musicali.

L’inconsapevole atteggiamento ha innalzato alcuni addetti ad afferrare imprudentemente lo scettro della tutela, e nonostante gli innumerevoli avvisi, dei luminari del passato, gli addetti si sono ostinati a fornire alfabeti e grammatiche, che già nel 1912, secondo Norman Douglas superavano, notevolmente le tre decine, prevedendo per questo futuri a dir poco bui.

Tutto ciò avveniva nella totale inconsapevolezza storica che, l’arbëreshë è un idioma intimo, un codice, motivo per il quale, si sarebbe dovuto tramandare (confidare) a persone vicine di cui si ha e si deve avere la massima stima, fiducia e rispetto, in altre parole, i familiari o chi ben accolto negli ambiti della gjitonia.

Nonostante le innumerevoli notizie e nozioni che Gerhard Rohlfs “l’archeologo delle parole” ha lasciato relativamente alle tracce della lingua arbëreshë, delineando percorsi e insediamenti, spiegandone la natura queste notizie sono rimaste inascoltate e ne comprese.

Che senso ha avuto negli ambiti di tutela attingere le risorse della 482 per apporre la toponomastica bilingue, oltretutto non condivisa, se si esclude/ono, lo/gli scrivente/i locale/i, che l’hanno inventata e che non ha portato alcun benefici.

Meglio hanno fatto alcuni paesi grecanici del reggino, rifiutandosi di apporre la doppia toponomastica rimandando al mittente le risorse, in quanto, i temi moderni non trovavano alcuna collocazione storico linguistica con l’antico idioma greco di quelle comunità.

Casa si è inteso per tutela nei paesi arbëreshë non è dato a sapersi e ne pare comprensibile, quale beneficiò culturale si  è raggiunto nel tradurre, Via Garibaldi, Via Mazzini, Via Roma o addirittura apporre “assemblaggi alfabetari” senza neanche avere cognizione della storia di quella strada, di quella piazza o di quel luogo, se la scrittura non ha mai segnato la lingua arbëreshë.

Tuttavia volendo essere magnanimi nei confronti di tali ostinate figure, per il latte ripetutamente versato, è spontaneo chiedersi, nei giorni nostri, quale emergenza ha il codice intimo della lingua arbëreshë per essere scritto, giacche le comunicazioni di massa e le nuove tecnologia di archiviazione e divulgazione, ci consentono di fare a meno della forma scritta, anche perché a guadagnarci sarebbe la fonetica d’ambito, si proprio quella mai  identicamente tutelata.

Quale beneficio può dare la forma scritta, per una lingua antica come l’arbëreshë, che oltre alla scrittura è caratterizzata dal suono, che notoriamente non trova alcun riscontro in un qualsiasi alfabeto?

Quale idioma più dell’arbëreshë, oggi diventa moderno e paradossalmente salta in prima fila nelle moderne telecomunicazioni, in quanto, codice, idioma intimo.

Oggi si scrive meno e si comunica attraverso la parola, le parlate passano incontaminate per i telefoni e le vie di comunicazione di tutti i componenti della regione storica, le parlate locali in arbëreshë non si fermano nei perimetri delle proprie abitazioni, come avveniva nel passato, oggi le isole linguistiche si sono avvicinate grazie all’informatica e i mezzi di comunicazione.

Quale migliore occasione, o meglio mezzo per comunicare può correre in aiuto dell’arbëreshë, quale esigenza abbiamo di renderla standard e appiattirla, con un alfabeto skipetaro, che preventivamente abbiamo evitato di subire emigrando dalle terre natie già dal XIV secolo.

Evitiamo di commettere lo stesso scempio prodotto negli anni ottanta, quando nel mentre, tutte le città e i grossi centri, realizzavano le isole pedonali e allontanavano il traffico cittadino dai centri antichi, nei paesi arbëreshë, in contro tendenza, per accedere a risorse statali, si spicconavano palazzi, anfratti e si distruggevano i luoghi della memoria, per la demenziale esigenza di parcheggiare la propria autovettura sotto casa.

Oggi a distanza di quattro decenni, ci s’interroga chi siano stati gli artefice di quelle violenze urbanistiche ed architettoniche senza senso e quali benefici abbiano portato alla comunità alla loro storia e all’economia dei centri antichi, detti minori.

Nei giorni nostri succede la stessa cosa, quale esigenza ci sia nel voler ostinatamente scrivere una lingua parlata di cui non si ha alcuna memoria grammaticale condivisa, perché costruita sul concetto del tema bizantino,

La tecnologia ci consente di conservare, tutelarla e divulgare i temi linguistici così come ereditati con la stessa metrica, con cui i nostri genitori nell’intimità li hanno consegnati; tutti noi abbiamo il dovere di tramandarli alle nuove generazioni, attraverso i sistemi di comunicazione e di conservazione digitale, in casa propria ed eventualmente attraverso quella filmica, negli spazi pulsanti condivisi riconosciuti come il luogo dei cinque sensi “la gjitonia”, senza mai dimenticare che stiamo ricevendo e e nello stesso tempo tramandando, un eredità un codice.

Commenti disabilitati su “L’ARBËRESHË: UN IDIOMA INTIMO”

IL GENIUS LOCI ARBËRESHË, ANALISI E RICOLLOCAZIONE ECONOMICA/CULTURALE

IL GENIUS LOCI ARBËRESHË, ANALISI E RICOLLOCAZIONE ECONOMICA/CULTURALE

Posted on 25 gennaio 2019 by admin

IL GENIUS LOCI ARBËRESHË, ANALISI E RICOLLOCAZIONENAPOLI (di Atanasio Pizzi) – Le lingue di minoranza sono parte integrante del quadro Unitario Europeo, che con i suoi Stati membri, 3 alfabeti e 23 lingue ufficiali e circa 60 parlate, rappresenta una delle comunità linguisticamente più complessa del pianeta.

L’impegno politico dell’Unione, per questo, esprime e descrive con la Carta Europea entrata in vigore nel 1998, come gli Stati devono contribuire a promuovere l’uso quotidiano delle lingue minoritarie in tutti i settori della vita come: scuole, uffici pubblici, midia, ambiti culturale/sociale, economica e nell’ambito della cooperazione con altre culture.

Il plurilinguismo che comprende tutta la gamma di varianti, che ciascuno di noi è parte integrante, mira a raggiungere il traguardo di almeno due lingue comunitarie oltre alla materna, per comunicare e per prendere parte a interazioni interculturali ed esperienze multiculturali.

L’incentivazione delle competenze linguistiche si muove di pari passo con la promozione, della formazione degli insegnanti di lingua, utilizzando materiali didattici adeguati alle aree comunali e sub comunali.

La raccomandazione europea è volta ad inserire negli obiettivi pedagogici le competenze di comunicazione interculturale sin dall’età precoce,  tradotta in molti stati membri nell’inserimento dello studio di una lingua minoritaria coufficiale o straniera.

La nostra Legge – n. 482 del 15 dicembre del 1999 – sulla tutela delle lingue minoritarie ha anticipato la raccomandazione europea, in quanto, si rivolge alle scuole dell’infanzia e del primo ciclo.

Tuttavia pur avendo demandato in Italia alla legge n. 482 del 15 dicembre 1999 la valorizzazione delle lingue e delle culture di minoranza, come cita L’art. 2, di detta legge, in attuazione dell’articolo 6 della Costituzione, in armonia con i principi generali stabiliti dagli organismi europei e internazionali, tutela la lingua e la cultura delle popolazioni “albanesi”, catalane, germaniche, greche, slovene e croate e di quelle parlanti il francese, il franco-provenzale, il friulano, il ladino, l’occitano e il sardo.

Attenzione!!, in questo articolo di Legge, l’errore è palese, in quanto, si confonde l’Arbëreshë, la lingua che si parla nell’intero della regione storica meridionale, con l’Albanese, la lingua giovane utilizzata in Albania; una lingua completamente diversa, un errore tanto piccolo quanto , poi in questo ventennio è apparso devastante per la minoranza intera, giacche, modellata sui principi per i quali la popolazione arbëreshë preferì l’esilio .

Gli idiomi di minoranza in Italia rappresentano un panorama composito e diversificato ed al di là del forte valore che esse esprimono di coesione sociale e culturale, la loro “forza” è strettamente collegata al loro radicamento sul territorio, al forte legame che si è instaurato tra uomini e luogo.

L’esodo che dal quattrocento sino alla fine del cinquecento, costrinse molti arbër all’esilio, definisce due distinti gruppo parlanti, caratterizzati da oltre sei secoli di avvenimenti sociali, economici e culturali, affrontati dagli arbëreshë da una parte  e gli Albanesi, con metriche dissimili, dall’altra.

Entrambe hanno sacrificato una parte del loro antico patrimonio; tuttavia pur avendo gli Albanesi tutelato i confini territoriali, rimanendo legati alla terra madre, hanno intriso il loro territorio con prodotti di sintesi alloctoni al senso della vecchia radice linguistica, culturale e consuetudinaria.

Diversamente, gli Arbëreshë, hanno difeso, l’antico e originario codice orale linguistico, elevandosi per questo a tutori incontrastati della vecchia radice, accontentandosi della sintesi territoriale, denominata, parallela.

Gli avvenimenti hanno generato due distinte e ben identificabili etnie:

– la prima denominata Arbër, (Har + Bër, significa terra bianca o nuova) “i tutori del codice”, da cui prende il nome la regione storica; è identifica le figure che si prese carico della difesa dei protocolli identitari, li difese a costo di doversi allontanare dalle terre natie, con il compito di non inquinarle da consuetudini, civili e religiose che non avessero coerenza con la sua radice originaria vissuta sino al XV secolo;

– la seconda denominata, Skipë “i detentori del territorio” la popolazione che ha continuato a vivere in Albania, continuando a calpestare il territorio e i suoi ambiti, subendo nel frattempo un radicale rinnovamento relativamente alle essenze della radice linguistica, sociale e consuetudinaria.

È indispensabile prendere consapevolezza che una lingua, per sopravvivere, deve essere “visibile”, deve essere usata in ogni occasione della vita quotidiana e non soltanto nella sfera privata, o modificando il senso e la metrica; essa deve essere coltivata sino a diventare identità che segna il territorio, senza interporre barriere materiali.

Una lingua parlata solo nell’intimità della casa, nel privato, è destinate a morire discreta e senza gloria: cessa semplicemente di far parlare di sé, il silenzio la sostituisce, ne copre il ricordo, i suoni, i colori e la sua metrica.

Una lingua minoritaria può sopravvivere unicamente se è utilizzata in ambiti diversi, divulgata, esposta, curata senza doverla rendere protagonista; urge per questo non chiudersi in se stessi come di sovente avviene, immaginando che diventare protagonisti su un palco possa fare bene alla regione storica.

Occorre aprire nuovi stati di fatto in collaborazione con quanti hanno è posseggono titoli e capacità per rendere l’itinerario storico della regione minoritaria del meridione, nota a tutti specie nelle diplomatiche che la rendono omogenea, nonostante lo stato fisico diffuso.

Essa con il suo suono deve diventare identità, suoni che segnano il territorio , lo promuovono e lo pongono come alternativa alla globalizzazione.

Dopo due decenni dalla Legge 482 del 15 dicembre 1999 è palese la necessità di conoscere quanti e quali siano gli adempimenti da realizzare sul territorio quanti si devono adoperare per la tutela di questo patrimonio unico ed irripetibile.

La definizione del genius loci di ogni macroarea della regione storica è il traguardo da perseguire, indagare per definire quali siano stati i modelli edilizi di tutela, gli stessi, che per un errore di interpretazione hanno confuso, vicinato con gjitonia.

Non è concepibile immaginare ancora oggi che l’idioma più solido del mondo moderno abbia avuto una tale longevità nella sola forma orale solamente per un caso fortuito, se una lingua antica ancora oggi si parla all’interno delle macroaree della regione storica con la stessa metrica, vuol dire che la culla che i nostri avi hanno costruito è stata ispirata dal genio locale secondo le consuetudini importate dalla terra di origine.

Commenti disabilitati su IL GENIUS LOCI ARBËRESHË, ANALISI E RICOLLOCAZIONE ECONOMICA/CULTURALE

Advertise Here
Advertise Here

NOI ARBËRESHË




ARBËRESHË E FACEBOOK




ARBËRESHË




error: Content is protected !!