Categorized | In Evidenza, Storia

REGIONE STORICA ARBËRESHË E ARBËRIA: IL SACRO E IL PROFANO

Posted on 21 marzo 2019 by admin

TRADIZIONI TRASVERSALENAPOLI (di Atanasio Pizzi) –  Quando negli anni sessanta E. Fortino nel corso di un incontro a Roma, aprì i lavori sulla tutela degli usi, i costumi e le tematiche religiose arbëreshë, definì l’Arbëria come un luogo indefinito, dove due o più arbëreshë si possono incontrare e iniziare a parlare esprimendosi con l’uso dell’antica lingua.

Appare evidente che non si riferiva a luoghi stanziali dove gli arbëreshë in comune convivenza vivevano scenari paralleli della terra di origine.

E. Fortino usando questa frase, imprestata dallo Schirò, non riferiva di un luogo ben identificato, un recinto, uno stato o una regione, in cui simili intenti di discendenza arbëreshë, realizzavano il miracolo integrativo mediterraneo, ma di un luogo momentaneo che dopo l’incontro sarebbe stato abbandonato.

In conformità a questa considerazione, nasce l’esigenza di definire e accumunare più macroaree sotto le regole della geografia storica, che fanno convergere uomini e vicende simili protratte nel tempo e nello stesso luogo.

La caratteristica di questo principio viene racchiusa nel concetto di regione, da qui “il sacro” riferimento che unisce tutti i minoritari figli della diaspora balcanica, dal XV secolo, sotto il titolo di “Regione storica Arbëreshë”.

Non usare questo titolo è segno di non aver compreso quali siano gli elementi fondamentali del popolo che affonda le sue origini nei temati bizantini, oggi per i suoi raffinati costumi rappresenta il fiore più colorato del Mediterraneo.

Un fiore con radici profonde i cui echi si avvertono sin dai primi nove mesi della gestazione materna.

Per comprendere cosa sia il tema di regione storica per un arbëreshë non basta leggere qualche volumetto editoriale su base favoleggiante, ne cercare di avere la più idonea cadenza linguistica territoriale, telefonando ad anonimi conoscenti.

La Regione storica Arbëreshë per avvolgerti, deve essere prima vissuta intensamente e per periodi medi lunghi, (il prof. U. Cardarelli, diceva che per iniziare ad entrare in sintonia ci vogliono non meno di sei mesi intensamente vissuti negli ambiti di ricerca), altrimenti si finisce per produrre concetti sbagliati privi di alcun valore storico e se  il fine mira alla valorizzazione per la tutela, si finisce per fare danno, danno e ancora danno.

Il territorio della regione va vissuto a stretto contatto con gli abitanti storici, avvertire le vibrazioni in prima persona e non per sentito dire o attraverso le sensazioni altrui specie se di radice litirë.

Osservando attentamente lo stato dei fatti e delle divagazioni pubbliche, è il caso di allertarsi verso quanti si esprimono definendo arberia, rispetto a chi  difendere  territorio e consuetudini sociali e linguistiche, realizzando   con mezzi propri e senza l’ausilio di estranei prodotti di solida tutela,  rievocando le gesta degli arbëreshë, sin dai tempi dei temati bizantini, in seguito con le collaborazioni veneziane, emblematico è l’esempio della città di Jesi e nel XV secolo nel meridione italiano tanto per citare alcuni degli innumerevoli esempi in tal senso.

Sin anche i Borbone nel 1805 ne richiamarono un consistente gruppo, che sbarco a Brindisi, con il fine di mandare un messaggio a Napoleone pronto a invadere il Regno di Napoli.

La storia della regione storica, delineata nel corso degli ultimi quattro decenni è il frutto della consultazione di oltre dodicimila volumi, tremila cartografie e un numero elevatissimo d’immagini e raffigurazioni di ogni genere.

Per avere consapevolezza della regione storica bisogna leggere e verificare sul territorio ogni piccolo dettagli, come ad esempio il costume, che purtroppo posto nelle disponibilità e l’arte di personaggi che vivono di sintesi, lo adoperano in maniera a dir poco irriverente.

La Regione Storica Arbëreshë non ha una bandiera, perché fedele a quella italiana, tuttavia l’unico elemento che si può ritenere tale e il costume nuziale, nato nella macroarea delle colline a ridosso della Sila; rappresenta un tema raffinato e unico nel suo genere, pur se in apparenza può sembrare simile a quello di altre macro aree, in esso sono espressi attraverso i dettagli sartoriale, la storia e le direttive consuetudinarie e del credo di questo popolo antico.

Il costume (Stolitë) quando si vestono in pubblico, o si fa con garbo o altrimenti si manifestano riti pagani carnevaleschi e non fanno parte del rigido consuetudinario arbëreshë; a tal proposito è bene sottolineare che esso rappresenta la nostra identità storica, unica espressione artistica materiale.

Indossare il costume in maniera personale e sintetica, sarebbe come se in occasioni istituzionali, si esponesse la bandiera italiana con uno dei tre colori mancanti o sbiaditi ed esporre addirittura pigmentazioni alloctone.

Per terminare è bene ricordare che ci sono le cose sacre e quelle profane, ognuno di noi è libero di scegliere, per se quello che più ritiene giusto della pagana Arbëria; tuttavia argomentare, con ragioni di merito delle genti della diaspora balcanica, i figli dei themati bizantini, è bene avere come solido emblema “la sacralità” della Regione storica Arbëreshë.

Comments are closed.

Advertise Here
Advertise Here

NOI ARBËRESHË




ARBËRESHË E FACEBOOK




ARBËRESHË




error: Content is protected !!