Categorized | Folklore, In Evidenza

-REALIZZANO POVERA EDITORIA E IGNORANO I PALCOSCENICI DA PRIMI ATTORI-

Posted on 28 agosto 2018 by admin

I PALCOSCENICI DA PRIMI ATTORINAPOLI (di Atanasio Pizzi) – Lo scenario politico, sociale, migratorio, oltre gli eventi naturali, largamente dibattuti e divulgati attraverso la televisione, i multimedia, l’editoria, pone in luce le fragilità causa dalla cattiva gestione del territorio nazionale.

Eppure l’Italia con il sud e la Regione Storico Ambientale Arbëreshë hanno vissuto un lungo periodo di eccellenza, conosciute sin anche nei luoghi più reconditi del vecchio continente, grazie a raffinate menti provenienti dai paesi della minoranza.

Tuttavia, oggi pur avendo addetti che potrebbero divulgare con giusta misura quando siano stati fondamentali, gli arbëreshë, per l’Italia e l’Europa intera, sia dal punto di vista della crescita economica e culturale e sia territoriali, “gli stati generali” si dilettano a perseguire miraggi senza alcun senso e in forte contrapposizione all’antico modo di adoperarsi.

Le odierne leve culturali si ostinano a scrivere in lingua che non leggerà mai nessuno, (nonostante già dall’ottocento il lucano Torelli aveva consigliato di scrivere per tutti e non per pochi) ciò nonostante indagano chiese, case, palazzi, piazze e gjitonie, riducendo il fenomeno arbëreshë al mero atto di pubblicazioni fotografiche o inquadrature di minuscoli tasselli locali.

L’attività preferita sono i safari in cui si eliminano esemplari irripetibili, le prede dopo l’eliminazione sono macellate per essere monetizzate e suddividere i proventi con gli organizzatori che vivono i luoghi del miraggio, tuttavia gli appuntamenti terminano in rissa, in quanto ogni elemento che partecipa alla manifestazione africana, vuole produrre la migliore sintesi  della mattanza.

Tutto ciò distrae costantemente i protagonisti sul dato, che la Regione Storico Ambientale Arbëreshë ha segnato col proprio valore le discipline del sapere e ad oggi nessuno è stato in grado di promuovere adeguatamente e con rispetto, nei canali turistici e nelle riviste che contano la minoranza intera .

È paradossale vivere in un continuo immobilismo glaciale, senza nulla organizzare con una dose di amorevole calore; nessuna istituzione o gruppo organizzato ha avuto la caparbietà a delineare un tracciato storico coerente, ne tantomeno promuovere diffusamente il luoghi natii delle valenti menti di regione.

Questa grave manchevolezza che non trova alcuna spiegazione logica se non una volontà mirata, per lasciare tutti liberi di pascolare nelle macerie di un mulino dismesso o lungo le rhue circostanti, nel mentre la politica finalizza progetti senza domani.

È disarmante costatare che dalle fila della regione storica, non emerga nessun membro per contribuire alle discussioni dopo il crollo del ponte “Morandi a Genova”; specie per mettere ordine al buon nome dei tecnici e redarguire la sfilata tecnica più vergognosa di argomenti fuori luogo, senza alcuna logica oltretutto, disconnesse con epoche, parallelismi territoriali, materiali e uomini.

Nessuno è stato in grado di rendere evidente, l’opera dell’ingegner Luigi Giura da Maschito, eccellenze arbëreshë in campo di tecnologie innovative, capace di innalzare il primo ponte sospeso in Italia (secondo in Europa) e sotto gli occhi stupiti di esperti francesi inglesi che non riuscivano a credere ai loro occhi inaugurò insieme al re il ponte sul Garigliano.

Perché in questo frangente non si è dato spazio illustrato con dovizia di particolari che, nel 1832 il geni arbëreshë realizzava un ponte così moderno; lo stesso che nel 1944 i Tedeschi in ritirata adoperarono per mettere in salvo ogni genere di mezzo pesante da guerra, per tagliare poi i collegamenti,  bombardando il tratto di sospensione.

Un altro esempio che sarebbe il caso di  sottolineare sono sono le inquietudini  che oggi nascono dalle paure prodotte dai fenomeni migratori di massa, il processo può considerarsi simile a quello vissuto dagli arbëreshë, per questo, un confronto degli avvenimenti politico-sociali con protagonisti i “cultori” servirebbe a stendere gli animi e leggere con più attenzione quando sta avvenendo o potrà avvenire. 

A tal proposito e bene rilevare che sei secoli or sono i migranti economici e perseguitati politici vennero da est; l’unica cosa che li distingue gli uni dagli altri è il il dato che non avessero gommini, oltre che l’epoca delle comunicazioni di massa non era iniziata, per questo, gli esuli della diaspora balcanica, non ebbero tanti favoritismi se non quelli regali e romani che li consideravano come arma letale da usare in eventuali conflitti.

Va oltremodo ribadito che altri aspetti sono simili, infatti, nel 1805 quando un’ultima ondata di profughi venne indirizzata verso l’approdo di Brindisi, dopo poco tempo fu rimpatriata, perché i componenti di quella migrazione era dedito all’ozio, al furto e al malaffare.

La regione storica nasce da identici tumulti economici, sociali e di dominio territoriale ad opera dei poteri economici di quell’epoca.

Quante persone oltre agli arbëreshë avrebbero potuto proferire parola relativamente al fenomeno migratorio in atto, personalmente ritengo nessuno; tuttavia succede che analisti, specialisti, economisti blaterano teorie allucinanti, le stesse che creano tensioni sociali, senza mai ribadire che il sud dell’Italia, ha avuto un carico di profughi, non di passaggio ma di stazionamento e agli inizi del 1500, per dare un solo dato senza entrare nei dettagli, solo Napoli numerava il 10% della popolazione cittadina composta da profughi.

Non sono mai seguiti e avvenuti tumulti, anzi Napoli e il meridione, per questo, si può definire la capitale del modello d’integrazione, meglio riuscito del mediterraneo. 

Altro elemento degno di nota è racchiuso nel dato che oltre cento paesi della regione storica resta allocato in luoghi geologicamente sicuri e se nell’immediatezza del loro allocamento, in rarissimi casi ha richiesto di rivedere il sito, (vedi la storia di Caraffa di Catanzaro), tuttavia non uno dei paesi albanofoni è stato dismesso dislocato o chiuso in 538 anni di orgogliosa scelta d’insediamento.

I Katundi arbëreshë in senso fisico e idrogeologico hanno avuto una vita durevole in perfetta sintonia con territorio e genti indigene; tuttavia se avvenimenti anomali hanno provocato malessere e sofferenza, questi con certezza sono stati provocati per la dabbenaggine degli uomini.

Morale di questa storia restano i sotterfugi e gli inganni cui sono stati repressi gli ignari malcapitati, addivenendo alla migrazione ennesima, in un sito ritenuto meno pericoloso, lo stesso che i nostri avi attraverso la memoria locale sconsigliava di abitarvi mai; questa storia di centimetri/anno e terminata con il godimento del “Pietrantonio” di turno, della consorte e le sue amiche che credevano di fare i paesi.

A tutto ciò si dovrebbe aggiungere una lunga disquisizione per quanto riguarda l’aspetto della credenza, quest’ultima la più complica; tuttavia sarà cura a breve trattare nello specifico, in quanto un numero considerevole di profughi per sfugge alle angherie della luna calante si ritrovano nel baratro che porta sui carboni ardenti dei bracieri romani.

Comments are closed.

Advertise Here
Advertise Here

NOI ARBËRESHË




ARBËRESHË E FACEBOOK




ARBËRESHË




error: Content is protected !!