Categorized | Eventi

GINESTRA 23 NOVEMBRE 2010 – A 30 ANNI DAL TERREMOTO, DUE MUSICISTI DEL CENTRO ARBERESHE SI LAUREANO AL CONSERVATORIO DI MUSICA DI POTENZA – “LA MUSICA TROPPO SPESSO VIENE SOTTOVALUTATA NELLA SCUOLA”

Posted on 22 novembre 2010 by admin

GINESTRA – (di Lorenzo Zolfo)

Il prossimo 23 novembre, giorno memorabile, ricorrono i trenta anni del terremoto, due musicisti di Ginestra, Donato Rigillo e Michele Rigillo si laureano presso il Conservatorio di Musica, Carlo Gesualdo da Venosa” di Potenza. Discuteranno, il primo, una tesi su: Mario Castelnuovo Tedesco e la sonata per chitarra “omaggio a Boccherini”, il secondo, una tesi su: Emanuele Gianturco, le sonate per violino e pianoforte.  E’ da pochi anni che molti diplomati del Conservatorio di Potenza ritornano sui banchi di scuola, o meglio nelle stanze musicali, alcuni anche di età avanzata, per conseguire questa laurea specialistica. In quanto il vecchio diploma del Conservatorio di Musica è stato equiparato ad una laurea triennale e, pertanto, servono altri due anni con superamento di tanti esami, per conseguire la laurea quinquennale. Il  nuovo ordinamento musicale in fase di evoluzione viaggia di pari passo col vecchio ordinamento, che non è stato ancora abolito. Avvicinati i due musicisti di Ginestra, che lavorano da 20 anni con scuole musicali private e da 5 anni in quelle pubbliche, hanno riferito: “non nascondiamo un certo disorientamento ed imbarazzo ritornare a studiare dopo tanto tempo e vedere tanti papà di famiglia che frequentano il Conservatorio di Musica per conseguire questo titolo importante per noi e per la musica. Musica che il più delle volte viene sottovalutata nella scuola, senza tener conto dello studio, di non poco conto, che c’è dietro al conseguimento di un titolo. Alle scuole medie ad indirizzo musicale, che stanno nascendo in questi ultimi tempi, non corrisponde una continuità, mancano i licei Musicali, nonostante la riforma sia in atto, di collegamento indispensabili, come un anello, con i Conservatori di Musica. Pur superando l’emozione di una prova da sostenere, non è bello sedersi dietro un banco per essere ancora valutato da colleghi che hanno la stessa età. Prima di giungere alla tesi, abbiamo dovuto superare numerosi esami, studiare materie, aspetti della musica, che non venivano presi in considerazione dal vecchio ordinamento scolastico. Grazie alla nostra esperienza musicale abbiamo dovuto superare discipline come improvvisazione ed arrangiamenti, per niente tenute in considerazione nel passato”.

Le considerazioni di questi due musicisti devono far riflettere, in Basilicata non esiste un Liceo Musicale, la Riforma Gelmini non ha tenuto conto neanche della città capoluogo, Potenza con le sue sufficienti strutture musicali disponibili. In tutte le società conosciute, la musica è una delle forme primarie di espressione della cultura. Nei canti, miti e racconti del folclore orale così come nella poesia scritta, nel teatro e nella prosa, la musica e gli strumenti musicali sono comuni non solo perché sono parte della vita quotidiana, ma anche perché sono una parte importante di ciò che è considerato esperienza spirituale e sacra. Per fortuna che in questo secolo c’è ancora la musica che ci rimembra la sua esistenza in ogni attimo della nostra vita.

Le foto riprendono i due musicisti Donato Rigillo alla chitarra e Michele Rigillo al violino  ripresi durante un concerto di musica a Ginestra.

Comments are closed.

Advertise Here
Advertise Here

NOI ARBËRESHË




ARBËRESHË E FACEBOOK




ARBËRESHË