Archive | Religione

FRA TOMMASO CAMPANELLA DA STILO DI CALABRIA 1568 – PARIGI 1639

Posted on 10 settembre 2011 by admin

NAPOLI (di Atanasio Pizzi) – Tommaso Campanella nacque a Stilo in provincia di Reggio in Calabria il 5 Settembre 1568, di umili origini, si distinse fin dalla prima giovinezza per la prodigio­sa memoria e la grande capacità di apprendimento.

L’epoca del Campanella è un tempo ricco di grandi e dram­matici contrasti: la rottura definitiva dell’unità del mondo cattolico, da un lato, porta con la Riforma, alla maturazione delle premesse storiche poste dall’Umanesimo e dal Rina­scimento; dall’altro, si da inizio, in l’Italia e in particolare nel Mezzogiorno ad un lungo periodo d’involu­zione politica e sociale, che vede nascere e fiorire la Contro­riforma e stabilizzarsi la dominazione congiunta dell’impero di Spagna e dell’inquisizione.

Fra Tommaso 1582 entrò nell’ordine domenicano, dove ricevette una prima formazione filosofica di stampo aristotelico.  

Trasferitosi nella capitale partenopea nel corso del 1590, pub­blicò gli otto libri della Philosophia sensibus demonstrata, una dife­sa della filosofia di Telesio dagli attacchi degli aristotelici.

Dopo due anni, per un’accuse infondate e di oscure origini, a cui era abituato a rispondere con la frase: ho consumato più olio io che vino i miei accusatori, fu processato dal tribunale del suo ordine religioso e costretto a rientrare in Calabria. Continue Reading

Comments (0)

I RITI DELLA PASQUA ARBERESHE

Posted on 20 aprile 2011 by admin

ARBERIA (di Adriano Mazziotti) – Cristòs Anèsti (Cristo è risorto). E’ il canto di gioia che da mezzogiorno del sabato di Pasqua, viene intonato nelle chiese dei centri arbëreshë ricadenti nella giurisdizione della eparchia di Lungro, ancora legati alla tradizione religiosa della Chiesa orientale, che “per la festa delle feste” scrivono una pagina significativa, ricca di suggestivi e antichi rituali.

Canto in greco, Kristòs Anèsti, ripetuto da sabato, per quaranta giorni fino alla festa dell’Ascensione in tutte le funzioni religiose, quasi a marcare la gioia della comunità cristiana profondamente coinvolta nel dare l’annuncio della vittoria di Gesù sulla morte.

E’ la Pasqua di Resurrezione, la ricorrenza più ricca di tradizioni e per questo la più importante, forse più del Natale; perchè da venti secoli ripropone puntualmente il fondamento della morte e della resurrezione, che vanno al di là del fatto personale di Cristo, per diventare fatto storico, di tutta l’umanità.

Non a caso questa Festa cade sempre in primavera, stagione durante la quale la natura risorge e rifiorisce. Continue Reading

Comments (0)

Protetto: LA SCUOLA LA RELIGIONE E GLI ALBANOFONI

Posted on 19 aprile 2011 by admin

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Inserisci la tua password per visualizzare i commenti.

GLI ARBERESHE RICORDANO I LORO DEFUNTI

Posted on 28 febbraio 2011 by admin

SAN DEMETRIO CORONE (di Adriano Mazziotti) – Nei centri albanofoni  di confessione cattolica e di tradizione greco-bizantina, quella di sabato 26 febbraio è stata una giornata velata di profonda tristezza, dedicata alla riflessione, alla preghiera e caratterizzata dal massiccio pellegrinaggio di fedeli nei cimiteri.

Estato il giorno commemorativo  dei “defunti  arbëreshe”, l’ appuntamento religioso più caratterizzante, partecipato e sentito nei centri calabro-albanesi.

Una commemorazione  nel corso della quale si accentua, ancora  più della ricorrenza latina del due novembre, il legame costante con chi ha lasciato questo mondo per sempre.

Una giornata strettamente legata alla simbologia della Resurrezione, che oscilla in dipendenza delle festività pasquali ed esattamente cade il sabato precedente la domenica di Carnevale e quindici giorni prima dell’inizio della Quaresima.

 Per gli arbëreshë si tratta di una vera “festa dei morti”, celebrata alle soglie della primavera che prende il posto dell’inverno, in  un periodo dell’anno in cui la natura incomincia lentamente a svegliarsi e a  rinascere.

 Probabilmente proprio per questa convinzione, sulla scia di una tradizione che si perde nella notte dei tempi e piena di significati religiosi, si pensa che le anime dei defunti nel giorno dedicato alla loro memoria lascino per l’intera settimana i luoghi di riposo eterno per ritornare tra i vivi, visitando quelle che una volta erano le loro abitazioni. Continue Reading

Comments (0)

ZOTI GIOVANNI CAPPARELLI

Posted on 27 ottobre 2010 by admin

 

NAPOLI – (di Atanasio Pizzi)

Era l’alba del 18 giugno 1944, il cielo si mostrava terso e durante tutta la notte c’erano state abbondanti precipitazioni piovose.

In paese tutti si preparavano ad accogliere in un corale e caloroso abbraccio il nuovo prete, padre Giovanni Capparelli da Acquaformosa.

La giornata era frenetica e tutti si aspettavano il prete giusto che desse continuità alla onorabile storia eclesiale sofiota.

Le ore passavano e la Balilla che tutti si auspicavano di vedere non appariva, ka bota kukie, ormai era l’imbrunire e i sofioti avevano quasi tutti raggiunto delusi le proprie case.

All’improvviso il vociferare di porta in porta annunciò che il nuovo prete era arrivato, in ritardo, poichè i danni provocati dal maltempo della sera prima lo aveva costretto a fare un giro più lungo, ironia aveva voluto che forata una ruota avevano penato per un giorno intero a Terranova da Sibari per poterla riparare. Continue Reading

Comments (0)

Protetto: L’URBANISTICA E I PERCORSI RELIGIOSI

Posted on 20 ottobre 2010 by admin

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Inserisci la tua password per visualizzare i commenti.

Advertise Here
Advertise Here

NOI ARBËRESHË




ARBËRESHË E FACEBOOK




ARBËRESHË