Categorized | In Evidenza, Storia

PER AMORE DELLA REGIONE STORICA ARBËRESHË

Posted on 09 gennaio 2018 by admin

PER AMORE D’ARBERIA.NAPOLI (di Atanasio Pizzi) – Per connettere i contorni che definiscono la Regione storica Arbëreshë, ha richiesto un impegno professionale non indifferente; poi  in seguito, l’addentrarsi, negli ambiti e le dinamiche storiche, sociali e politiche che hanno determinato le macroaree, ha richiesto una dose infinita di passione; solo in questo modo è stato possibile superare tutte le avversità della tumultuosa diaspora balcanica.

La mia ricerca senza fondi comunitari, statali né tantomeno regionali, vuole essere un volontario contributo per illustrare con garbo la storia delle genti che componevano l’antico “govrnarato Arbëreshë”.

Quando volgo lo sguardo nel mio studio e vedo libri, documenti, unità di archiviazione, appunti e schemi che grondano d’arberia, risvegliano sensazioni che ritengo simile all’antica indole degli uomini che si adoperarono per proteggere le colonne del codice Arbëreshë.

Oggi l’arbëria per usare un eufemismo è simile una Kamastra che sostiene un calderone dove si cerca di amalgamare ingredienti solidi, sporchi e senza alcun tipo di essenza aromatica.

Per questo occorre versare prodotti genuini oserei dire autoctoni arbëreshë e far tracimare la pentola dagli ingredienti malevoli privi di significato, questo ultimi siccome sono vuoti e privi di senso già galleggiano sul bordo del calderone; essi sono: musici, antiquari, affaristi, alchimisti con titoli di radice ignota oltre gli apparentati del cavallo e del cavaliere.

Iniziare a fornire i frutti della vecchia radice alla Regione storica Arbëreshë, è diventato una priorità inderogabile; a tal proposito e per ben iniziare va rilevato che esiste una fondamentale differenza tra Arbëreshë e Albanesi.

La diaspora nasce nel corso del XV secolo, quando gli abitanti delle terre che oggi s’identificano come paese delle aquile, per scelta e natura, decisero di scindersi secondo principi diametralmente opposti.

Gli Arbëreshë hanno assunto la difesa dell’antico codice sociale fatto di consuetudine, lingua, metrica e religione a scapito della terra di origine, già impressa nelle loro menti come sintesi parallela, allocata negli ambiti del meridione italiano.

Gli Skipë preferirono rimanere sulla terra d’origine, tralasciando gli antichi codici identificativi, posti nelle disponibilità degli invasori.

Dal XV secolo gli Arbëreshë non hanno mai dismesso o sintetizzato le caratteristiche del codice identificativo, addomesticarono i territori a essi assegnati, per insediarsi secondo le consuetudini della terra di origine.

In seguito dopo un periodo di confronto e scontro, iniziarono l’ascesa culturale che li ha elevati negli ambienti culturali europei oltre che a portare a buon fine il modello di integrazione meglio riuscito di tutto il mediterraneo.

Le colonne portenti della cultura Arbëreshë fondano le radici nell’idioma, nella consuetudine, nella metrica del canto e la religione greca ortodossa.

Quest’ultima è stata la prima pietra miliare a essere violata, dai vescovati latini, con pressioni e patimenti non indifferenti per la popolazione arbëreshë, sino alla metà del settecento, facendo convertire numerose macroaree della regione storica, al nuovo rito.

Nella meta de settecento una svolta strategica Vaticana, ha usato gli abitanti dei paesi arbëreshë dello jonio cosentino per fini di sottomissione religiosa; infatti, sotto mentite spoglie, ha posto in essere una struttura formativa religiosa, alla cui cabina di regia sedevano i vertici Vaticani, in essa si dovevano formare prelati per le macroaree dello Jonio calabre denominando l’operazione come, una finestra aperta all’ortodossia.

La confusione che ne scaturì, ha fatto vacillare non poco la storica ideologia arbëreshë, che prima cantava in greco, poi in latino, poi in lingua madre e nel tempo di un secolo, hanno visto le proprie chiese cambiare forma colore e orientamento, terminando l’operazione di restyling coprendo con dipinti le lacrime e il sudore di quei credenti che avevano innalzato i simboli secondo l’antico codice.

All’inquietudine religiosa nell’ottocento si è accostata anche quella politica, che ha portato all’unità d’Italia e l’istituzione con la finestra aperta sullo Jonio, è stata piegata con eleganza a favore delle vicende unitarie.

Terminato il periodo di unificazione, l’emblema religioso èra stato stravolto e aveva perso ogni significato del senso per cui era nato, motivo per il quale dopo una attenta analisi, si è preferito abbandonare la formazione clericale a favore di quella laica e chiudere la finestra verso oriente, essendosi nel frattempo aperti nuovi balconi di dialogo in altre sedi.

Da questa vicenda gli arbëreshë escono confusi e con una delle loro colonne portanti deteriorate, è solo grazie alle intuizioni di menti eccellenti d’arbëria, i danni furono circoscritti e non intaccarono le altre componenti rimanessero ancora intatte.

Tuttavia è dal XV secolo che gli ecclesiasti si adoperarono per minare il codice linguistico affiancando ad esso una scrittura fatta prevalentemente di lettere greche, tuttavia la distanza che poneva gli ambiti sociali arbëreshë dagli altari clericali, non produsse alcun effetto nella popolazione parlante, che continua a vivere idioma, consuetudine e metrica.

Il processo d’inventare una forma scritta dell’antico codice fu rifiutato nel settecento dal Baffi già, che garbatamente non produsse, per sua scelta, nessuna opera il tal senso; tuttavia fu l’unico arbëreshë a intuire cosa succedeva nella Calabria Jonica e corse ai ripari.

Nella prima metà dell’ottocento, ignari personaggi privi di adeguati titolo e senza alcuna cognizione storico/sociale, avviarono la stagione delle romanze in arbëreshë, (operazione pubblica che voleva esternare un disagio privato) attingendo dall’alfabeto greco e latino.

Gli immaturi avventori, nonostante V.Torelli, fosse di tutt’altro parere, diede seguito ad avvenimenti che ancora ad oggi non si riescono a contenere tanto sono diventati malevoli.

Vero è che in Albania agli albori del novecento, erano stati elevati alfabeti che raccoglievano i sorrisi ironici dei maggiori salotti culturali europei, un singolare allineamento di lettre, che variava dalle ventisei alle cinquantaquattro unità, prospettando addirittura per il futuro ventagli molto più ampi.

La conferma di questo disastro alfabetario, lo ritroviamo oggi nel gran numero di personali parlate private, la cui fonte da cui attingere sia allocata nelle terre albanesi dalla terra madre, nonostante la regione storica conserva indelebilmente quei dettami che i temerari Arbëreshë riversarono per non essere contaminati dal futuro Albanese.

Oggi il danno prodotto si cela dietro il paravento del rotacismo o secondo l’enunciato che tutte le lingue si devono evolvere e addirittura, che gli arbëreshë non hanno capacita è i numeri per farlo; tuttavia a tutte queste persone vorrei ricordare che probabilmente nel loro curriculum formativo; è sfuggito lo studio secondo il quale, “l’Arbëreshë non è una lingua, ma notoriamente un “codice ””.

Nella china intellettuale che gli uomini arbëreshë intrapresero per dare lustro alla regione storica va ricordato l’apporto di Pasquale Baffi e Mons. G Bugliari da Santa Sofia, L. Giura da Maschito, V. Torelli da Barile, P. Scura da Vaccarizzo, Mons. F. Bugliari da Santa Sofia e pochi altri che non superano la meta delle dita di una mano.

Essi pur rappresentando circa un secolo e mezzo di storia, sono stati capaci a dare senso alle vicende letterarie e politiche in maniera irripetibile, tuttavia non hanno potuto nulla contro la marea che di li a poco avrebbe soprafatto il codice arbëreshë dalle incongruenze e dalle incoerenze.

Nonostante l’opera delle brillanti menti arbereshe abbia fatto entrare, la regione storica, in tutti i salotti culturali d’Europa, essi sino a quando sono stati in vita non hanno mai smesso di pensare, sognare e interpretare le loro idee in arbëreshë.

Tutti e nelle diverse epoche in cui vissero, ogni volta che notizie malevoli, giungevano a Napoli con protagonista l’arbëria, si prodigavano a dare senso politico, culturale, scientifico, giuridico e intellettuale di altissima qualità.

Il prodigarsi di Baffi e F. Bugliari per elevare la qualità culturale nella provincia citeriore calabrese alla fine del settecento o le note negative che V. Torelli espresse quando, rimandando a casa l’ignaro scrittore, che utilizzava, lettere greche e latine, per dare forza culturale all’idioma arbëreshë hanno comunque lasciato un segno, a noi rimane il dovere di ricordarlo e mantenerlo vivo.

Questi uomini di grande rispetto per l’arberia, hanno provato a tracciare i confini politico culturali della regione storica; finito il tempo delle eccellenze, a frenare il linciaggio dell’arberia furono l’avvento delle guerre mondiali del secolo scorso e la ricostruzione della nazione, questi eventi nel bene o nel male congelarono il malevolo fenomeno editoriale.

Ma come avviene anche in meteorologia dopo la quiete, arriva la tempesta e con un crescendo devastante, dagli anni settanta con le ideologie sessantottine, la libera università e la legge 482/99 a tutela delle minoranze storiche italiane, hanno riavviato il fenomeno di faglia culturale e nuovi fenomeni tellurici hanno invaso tutta la regione storica.

Dal secolo appena iniziato a oggi, comincia un’altra storia di spogliatura della consuetudine, della metrica, strapazzando a dismisura il credo religioso e l’idioma, ma questa è un’altra storia che quanto prima racconteremo.

Oggi viviamo con la speranza che si ricompongano i pezzi sparsi su tutto il territorio della regione storica e le cose genuine opportunamente unite possano partorire la soluzione ideale per dare senso al quel patto fatto dai nostri avi a se stessi e per noi tutti.

 

Comments are closed.

Advertise Here
Advertise Here

NOI ARBËRESHË




ARBËRESHË E FACEBOOK




ARBËRESHË




error: Content is protected !!