Categorized | Folklore, In Evidenza

UNA MATITA ROSSO BLU PER DELINEARE LA REGIONE E CORREGGERE

Posted on 19 gennaio 2019 by admin

matita1NAPOLI (di Atanasio Pizzi) – La storia è piena di errori e di sviste clamorose, per questo un noto principio di ricerca enuncia quanto segue: “il vero storico è chi sa correggere i propri errori”.

Alla luce di ciò, leggendo e confrontando i prodotti editoriali, di quanti si sono innalzati a detentori linguistici, metrici, religiosi ed esperti del Sacro Graal della Regione Storica, nasce spontaneo un dubbio, conoscono questi antiquari la matita rosso/blu?

Andiamo per gradi, per quanto attiene gli aspetti idiomatici di un popolo, essa ha ragione duratura, se i suoi detentori hanno armi e un buon governo.

Solo questa frase racchiude la parabola che gli abitanti della regione storica vivono dal XV secolo, seguendo i ritmi religiosi di una latenza terminale.

La destrezza delle armi è indubbia, quella del governo presenta molte perplessità e anomalie, se si escludono i patti dell’ordine del Drago, una lega di mutuo soccorso nata per contrastare l’espansione dei Turchi e governare i territori contesi, purtroppo questo avveniva prima degli insediamenti della regione storica.

Nel settecento una ventata culturale che voleva realizzare il governo della regione storica è stato avviato da Pasquale Baffi e Mons. Francesco Bugliari, ma la massoneria avversa britannica, ha avuto ragione degli abitanti locali, trasformato il plesso nel luogo per la contesa di confini dei terreni da coltivare.

Negli anni settanta del secolo scorso a seguito dei processi di alfabetizzazione, le popolazioni che vivevano all’interno della regione storica, per dimostrare di appartenere ad una classe di livello superiore, si adottarono pubblicamente la lingua Italiano Standard, disdegnando la lingua locale; tuttavia solo dopo alcuni decenni ci si resi conto che si abbandonava non un modo di esprimersi ma la propria identità.

Oggi le statistiche rilevano che solo il cinque percento della popolazione parla la lingua locale nelle vicende sociali /pubbliche, comunque il dato diventa più confortante quando alla domanda: quale dialetto o lingua usi negli ambiti stretti o familiari; il dati rileva che 1/3 della popolazione parla il proprio idioma locale.

Dopo questi brevi accenni appare evidente che aver imposto lo studio della lingua standard albanese, in tutta la regione storica, senza aver preso consapevolezza di quando professato da Gerhard Rohlfs “l’archeologo linguista”, è stato un errore madornale e dimostra quanta leggerezza ha avvolto gli arbëreshë che si erigevano a cultore della storica regione.

Nonostante tutti i ricercatori della storia, riconoscano che la madre di tutte le lingue giace dove i popoli sono emigrati, nel caso arbëreshë si è voluto  caparbiamente fare il contrario; chi ci ripagherà di questo danno? chi risponderà di questo sperpero culturale gratuito senza precedenti? Perché non escono pubblicamente e chiedono perdono? almeno abbiano il buon senso di mettersi da parte!!!!

Dobbiamo essere grati alla memoria di quanti vivono fuori dalla regine storica e caparbiamente non credono, a quanti non si sono mai allontanati dagli ambiti della gjitonia,  che per fini personali vanno dicendo: nënghë kinroj fare ghë.

Queste inquietanti figure ingorde, non si rendono conto di esprimersi con cadenza linguistica, metrica e consuetudine tra le più antiche arbëreshë è questo vuol dire che negano se stessi.

Certamente urge una metrica di tutela unitaria che rilanci adeguatamente tutta la regione storica, certamente non risiede nelle capacita di politici sessantottini, chi si vergognavano di parlare arbëreshë pubblicamente, principi, eredi, i famigerati antiquari, addetti dipartimentali e quanti sino ad oggi hanno ballato e cantato irrispettosi di qualsiasi parametro di buon senso.

Secondo il compianto professore, Aldo di Biasio, non si può leggere e comprendere gli avvenimenti della storia moderna, senza avere avuto pino riscontro negli apprezzi di una ben identificata area, in quanto, capitoli e catasti sono episodi conseguenti, che trovano spiegazione solo se il bagaglio capitolare è stato bene compreso.

La regione storica a questo punto si deve augurare che sia dato lo spazio idoneo ai suoi figli migliori, formati nella capitale del regno, gli unici capaci ad aprire una nuova e limpida stagione culturale, come avvenne tra la fine del settecento e l’inizio dell’ottocento, con i Rodotà, il Baffi, i Giura, i Torelli, i Bugliari, lo Scura i Ferriolo e tanti altri che si formarono nelle capitali.

Dopo questi brevi accenni è spontaneo chiedere ai locali oratori di terminare di parlare pubblicamente, in miseri appuntamenti che chiamate di tutela, dove non avete neanche un bicchiere di acqua, per schiarirvi almeno la gola.

Comments are closed.

Advertise Here
Advertise Here

NOI ARBËRESHË




ARBËRESHË E FACEBOOK




ARBËRESHË




error: Content is protected !!