Categorized | Architettura, In Evidenza

MUSEI DEL COSTUME ESPEDIENTI TRASVERSALI PER LA TUTELA DELL’IDENTITÀ ARBËRESHË

Posted on 06 febbraio 2017 by admin

MUSEI DEL COSTUME ESPEDIENTI TRASVERSALI PER LA TUTELA DELL’IDENTITÀ ARBËRESHËNAPOLI (di Atanasio Pizzi) – Il termine museo deriva dal greco antico mouseion, “luogo sacro alle Muse”, queste ultime erano le nove figlie della dea della memoria, Mnemosine e di Zeus dio della sapienza; le sorelle erano considerate le protettrici delle arti, della memoria e del sapere.

L’International Council of Museums, ha definito che: “Il museo é un’istituzione permanente, senza scopo di lucro, al servizio della società e del suo sviluppo. È aperto al pubblico e compie ricerche che riguardano le testimonianze materiali e immateriali dell’umanità e del suo ambiente; le acquisisce, le conserva, le comunica e, soprattutto, le espone a fini di studio, educazione e diletto”.

In Italia, Il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio attribuisce al plesso di conservazione la seguente definizione: “struttura permanente che acquisisce, cataloga, conserva, ordina ed espone beni culturali per finalità di educazione e di studio”.

Per svolgere la funzione di museo, un qualsiasi plesso deve avere dimensioni idonee oltre un’organizzazione in cui convergono diverse competenze e professioni, assolutamente necessarie, per assolvere i numerosi compiti, volti all’impegno di conservare la memoria con la migliore gestione del bene.

A guida dell’istituzione museo siede il Direttore cui è affidata la responsabilità generale del messaggio che si vuole tutelare; quindi non solo la mera conservazione di un oggetto, costume o documento scrittografico, ma il messaggio che esso contiene e vuole trasmettere dal punto di vista storico, dell’epoca e del luogo.

Al fine di rispondere alla domanda che è richiesta, il volume edilizio deve avere caratteristiche per rispondere a parametri illuminotecnici, climatici ed espositivi per la migliore tutela dei beni contenuti e archiviati.

Fondamentali per questo divengono gli impianti d’illuminazione, pigmentazione interna, infissi, teche di esposizione, i percorsi per la visita e per l’esodo dei locali ecc., tutti questi concorrono alla garanzia durevole delle opere, oltre all’utilizzo del plesso in sicurezza.

I musei dedicati alla civiltà Albanofona (arbëreshë), sorti soprattutto nel secolo appena trascorso, sono ricchi di opere e reperti provenienti perlopiù da privati; l’iniziativa partita delle Amministrazioni e Associazioni culturali locali, ha perseguito il miraggio della raccolta a tutti i costi, senza mettere in conto l’impegno di tutelare nel migliore dei modi con l’acquisizione di tali opere, molto spesso esemplari unici.

La voglia incontrollata di esporre e primeggiare a tutti i costi con quantità e qualità, ha distratto gli attuatori sul dato che acquisire valori eccellenti locali, rappresentava un impegno che presupponeva titoli e competenze professionali di alto rilievo, in quanto, elevarsi a tutori di un tesoro materiale ed immateriale di tale portata, può ritorcersi a svavore della tutela.

Raccogliere materiali, attrezzi, arredi, macchine e ogni sorta di elemento che caratterizzi il luogo e la sua arte, si stabiliscono idealmente impegni di sottomissione che vanno bel oltre la promessa di valorizzare un determinato bene.

Sottrarre tanti piccoli tesori di eccellenza dal loro ambiente originario, dove erano sottoposti a un protocollo rigidissimo che si articola in: conservazione, preparazione, controllo, vestizione, utilizzo, esposizione, spogliazione, controllo preparazione alla conservazione, deposito secondo un rito laborioso.

Impegnarsi a fare ciò senza avere la minima idea e competenza nei meriti del rigidissimo disciplinare ha reso vulnerabile la storia di circa due secoli di arte sartoriale arbëreshë.

Il rito si articola nel controllo semestrale, pur se non sono utilizzate o indossate le componenti del rarissimo costume, l’esposizione è funzione del tempo di conservazione, il oltre il luogo della custodia doveva garantire sia in estate che in inverno, un intervallo specifico dei parametri d’illuminazione, ventilazione, umidità ed esposizione agli agenti atmosferici, non trascurando i trattamenti per la difesa delle tarme e acari.

Tuttavia va rilevato che accomunare tanti oggetti in spazi in parte dignitosi in altri meno, ma tutti comunque e dovunque, che non rispondono ai parametri richiesti, il sistema museo diventa una macchina pericolosa che assume il ruolo di acceleratore di invecchiamento del prodotto sartoriale, se a questo si aggiunge che in molti casi sono esposti a ridosso di manufatti delle arti e dei mestieri, qualche dubbio per la buona conservazione dei rari costumi è più che lecito.

Un museo può ritenersi tale solo se risponde a caratteristiche ben identificate, e segue i protocolli dell’arte di conservare; altrimenti il “luogo museo” diviene il palcoscenico della distruzione, vero è che esistono molti musei o che millantano tale denominazione, “il cui pubblico” nell’inconsapevolezza generale, non si accorge del dramma che si consuma sotto i loro occhi, ovvero la morte dell’Unica Forma Artistica Figurativa della Regione storica Arbëreshë; il mio vuole essere un grido di dolore che segna la linea di non ritorno.

Ogni giorno che passa senza che Amministratori, Associazioni, Proloco e privati cultori, si attivi per arginare questo invisibile rigagnolo di sangue, che imperterrito giorno dopo giorno sottrae frammenti irripetibili, al solido patrimonio figurativo/sartoriale arbëreshë.

Comments are closed.

Advertise Here
Advertise Here

NOI ARBËRESHË




ARBËRESHË E FACEBOOK




ARBËRESHË




error: Content is protected !!